edizione Nazionale
Ferrovie, perdite a 465 milioni
notizia pubblicata 27 Settembre 2006 alle ore 10:15 nella categoria Territori

Ammontano a 465 milioni di euro le perdite delle Ferrovie dello Stato a fine 2005. Crescono, invece, i ricavi a 6,9 miliardi di euro, con un incremento rispetto al 2004 del 2,3%. In particolare i ricavi da traffico sono cresciuti del 2,2%, con un incremento del volume dei passeggeri trasportati per la prima volta dopo 10 anni. Ma senza il blocco dei biglietti di media e lunga percorrenza, fermi dal 2001, le Ferrovie avrebbero chiuso il bilancio 2005 “in sostanziale pareggio”. A sottolinearlo √® il presidente e amministratore delegato della holding, Elio Catania, che commentando le cifre, aggiunge che se le tariffe applicate fossero pari a quella della media europea, “Fs avrebbe presentato per il 2005 un utile di circa 500 milioni di euro”. Inoltre, per Catania, “la preoccupazione per la sostenibilit√† economica nel futuro rimane forte. Sar√† indispensabile poter contare su un quadro tariffario certo e su un adeguato flusso finanziario per gli investimenti e per i contratti di servizio. Il bilancio 2005 – conclude Catania – sconta il grande sforzo di tutto il Gruppo per recuperare i livelli di performance industriale e di servizio posti a base del processo di trasformazione in atto”.