giovedì, 24 Settembre 2020

Allarme abusivismo tra B&B siciliani

Il grido d’allarme lanciato dalla confcommercio Catania

Abusivismo non più sostenibile nel turismo Siciliano. Franz Cannizzo, Presidente dell’Abbetnea Confcommercio Catania, l’associazione degli operatori di bed & breakfast che rappresentano la nuova frontiera dell’offerta ricettiva in Sicilia, lancia il grido d’allarme sul fenomeno dell’abusivismo ricettivo nella nostra regione, cresciuto in modo esponenziale nell’ultimo anno.
“E’ necessario – ha affermato il dott.Cannizzo – che intervenga l’assessore regionale Cascio, affinché attivi gli uffici di vigilanza preposti dalla regione Siciliana sul territorio, per frenare un fenomeno che ha raggiunto nell’ isola dimensioni tali da creare pesanti effetti distorsivi sul mercato alberghiero ed extralberghiero, vanificando gli sforzi congiunti degli operatori pubblici e privati Siciliani, per la costruzione di un prodotto turistico di qualità”.
“In ogni provincia Siciliana sono presenti – ha continuato Cannizzo – migliaia di posti letto abusivi,in immobili che non posseggono alcun requisito minimo previsto dalla normativa regionale,ma che offrono, per fare qualche esempio, alloggio in letti a castello, a secondo della localizzazione turistica ed effettuano la vendita a buon mercato di piatti cucinati in casa,quando questa è espressamente vietata dalle normative igienico-sanitarie. Ci aspettiamo – ha concluso Franz Cannizzo – una risposta dall’Assessorato”.

News Correlate