sabato, 19 Giugno 2021

Assotravel in prima fila contro Trenitalia

Ribadito l’invito ad associati e non a non vendere biglietti il 28, 29, 30 e 31 ottobre

Assotravel torna sulla questione Trenitalia con un comunicato stampa rivolto a tutte le agenzie di viaggio, che ritrasmettiamo:
“Assotravel è in prima fila nel contrastare le scelte che Trenitalia intenderebbe assumere, in termini di remunerazione e di imposizioni contrattuali, nei confronti della agenzie di viaggio italiane.
In quest’azione, che è molto più importante dello stretto significato economico che essa riveste, siamo, come sempre in questi casi di interesse generale, al fianco delle altre Associazioni di Categoria (Assoviaggi e Fiavet) con le quali operiamo nell’interesse di tutti, iscritti e non.
La nostra azione si sta sviluppando su più fronti.
Dal momento infatti che le scelte operate dal nostro interlocutore “ferroviario” non rispondono a logiche imprenditoriali, ma eminentemente politiche, stiamo operando su chi è effettivamente in grado di esercitare un potere decisionale in questa vicenda. In tal senso abbiamo avviato una forte pressione sulle Istituzioni coinvolte (Ministro dei Trasporti, Ministro del Tesoro, Ministro delle Attività Produttive) che continua nelle opportune sedi e con ulteriori modalità.
Vorrei sottolineare che a questo tipo di pressione sono chiamati tutti i colleghi in grado di entrare in contatto con un esponente politico di livello regionale o parlamentare e prego quanti sono in grado di poter esprimere loro le nostre posizioni di comunicarci la disponibilità a farlo.
Predisporremo per i loro contatti un’apposita documentazione per poter sostenere al meglio le nostre ragioni.
Oltre a queste iniziative si è comunque ritenuto necessario proporre alle imprese di valutare l’astensione dal servizio, così come avvenuto in passato anche da parte di altre categorie a fronte di situazioni analoghe, tale astensione è stata pertanto fissata, congiuntamente con FIAVET ed ASSOVIAGGI, per i prossimi giorni del 28, 29, 30 e 31 ottobre.
Sappiamo bene che i più colpiti da questa iniziativa saranno i nostri clienti, poi le nostre stesse imprese ed infine Trenitalia.
È un problema intrinseco alle astensioni dal servizio, ma – questa volta – è necessario riuscire a dare un segnale forte e chiaro a Trenitalia, (in questo caso in ragione dell’atteggiamento monopolista assunto) e a tutti gli altri fornitori che pur trovando nella rete agenziale italiana una rete commerciale professionale ed economica non intendono riconoscerle la dovuta remunerazione e, in qualche caso, neanche i costi sostenuti. Oltre queste iniziative proseguono, poi, quelle giudiziarie e paragiuridiziarie di cui FIAVET ha inteso assumere la titolarità anche per il comitato delle Associazioni di Categoria. In questo complesso di iniziative appare necessario comunicare adeguatamente il ruolo anche “sociale” ricoperto dalle agenzie di viaggio nel caso di esercizio di biglietteria ferroviaria.
Intendiamo riferirci a quegli aspetti del servizio che rendono socialmente utile il nostro ruolo nel caso le stazioni ferroviarie non siano dotate di biglietteria, ma, in genere, anche in termini di comodità e disponibilità rispetto alle esigenze di anziani e disabili.
Infine Assotravel consiglia alle imprese che ritengono di aderire all’astensione dal servizio per i giorni previsti di trasmettere (via posta o e-mail) ai propri clienti un messaggio (modificabile secondo le proprie esigenze) del seguente tenore:
Per continuare a garantirvi i nostri servizi di biglietteria ferroviaria siamo costretti a sospenderli!
Gentile Cliente, teniamo ad avvisarla che nei prossimi nei prossimi giorni del 28, 29, 30 e 31 ottobre questa agenzia non potrà, come sempre, fornirle il servizio di prenotazione, consulenza ed emissione di biglietteria ferroviaria.
Le ragioni di questa scelta risiedono nell’esigenza di garantirci i margini adeguati al servizio di biglietteria che Trenitalia unilateralmente, e quindi da monopolista, intende ridurci al di sotto dei costi da noi sostenuti per garantirle questo servizio.
Allo stesso prezzo delle biglietterie delle stazioni, presso la nostra agenzia Lei oggi acquista i suoi biglietti ferroviari in un ambiente confortevole nel quale fare le sue scelte di trasporto, personale disponibile, esperto e formato, terminali efficienti e moderni per assicurare la qualità tecnica necessaria per essere precisi.
Tutto questo comporta da parte nostra investimenti costanti che, con i margini che Trenitalia intenderebbe riconoscerci dal 2004, non potranno più essere sostenuti costringendoci a sopprimere il servizio e costringendo i nostri clienti a recarsi presso le stazioni per comprare i biglietti ferroviari (con le relative file, confusione, tempi dilatati, etc.) o via internet (senza flessibilità delle risposte e costringendo all’uso della carta di credito e al ritiro in stazione).
E’ quindi anche nell’interesse dei nostri clienti che sospendiamo un servizio che già oggi manteniamo essenzialmente più per la comodità della nostra clientela che per i margini che ne derivano.
Ci scusiamo del disagio, ma è necessario per continuare a garantirle il nostro servizio ed un livello di qualità adeguato alle sue esigenze”.

News Correlate