giovedì, 24 Settembre 2020

Cit, trattativa azienda-sindacato in fase di stallo

Il Sult chiede un dialogo serio altrimenti la protesta proseguirà a oltranza

La trattativa tra azienda e sindacato
sul salvataggio della Cit non fa passi avanti e continua,
quindi, lo sciopero di tutti i lavoratori del Gruppo per
protestare contro i licenziamenti di 120 lavoratrici e
lavoratori, contro il mancato arrivo del finanziamento
deliberato dal Cipe e contro il mancato ingresso del nuovo
azionista.
”La situazione gia’ difficilissima e’ destinata a peggiorare:
nell’incontro di ieri l’azienda ha presentato proposte
inaccettabili, ridicole e provocatorie” dichiara Andrea Cavola,
segretario nazionale del Sult. ”Da oltre un anno – continua -il
nostro sindacato e tutte le lavoratrici ed i lavoratori stanno
lottando per impedire il fallimento del Gruppo ed i
licenziamenti dei lavoratori. Riteniamo quindi inaccettabile che
l’azienda non si assuma la responsabilita’ di decidere, come
altrettanto inaccettabile e gravissimo e’ il silenzio e
l’assenza del Governo sulla crisi di uno dei piu’ grandi Gruppi
Italiani del settore del Turismo”.
Il Sult dichiara la propria disponibilita’ ad una trattativa
ad oltranza, ma che poggi ”su presupposti seri. In caso
contrario il conflitto e’ destinato ad inasprirsi ulteriormente
nei prossimi giorni, coinvolgendo tutte le realta’ del Gruppo e
tutte le attivita’ connesse”.

News Correlate