sabato, 4 Dicembre 2021

Estate 2005, la vacanza è a misura di animale

Dopo alberghi, spiagge e agriturismo porta aperte anche alle terme

E’ sempre piu’ facile scegliere una vacanza in compagnia dei ‘piccoli amici’ a quattro zampe. Nell’estate 2005, ormai esplosa, si e’ infatti arricchito il ventaglio di proposte per le ferie insieme a Fido e si va dalle romanissime ‘bau bau-beach’, sulle sponde del Tevere sotto Castel Sant’Angelo o sul litorale di Maccarese, al centro-benessere toscano che fornisce ciotola e plaid personalizzati per pic-nic al fianco del padrone, fino alla vacanza-studio per diventare cane cerca-tarfufi. Per i ”pet-traveller” vengono inoltre pubblicate guide, come quella edita da Touring Club e Iams ‘In Italia con cane e gatto’, e aperti siti web come quello di Federalberghi www.pets-hotel.it che cerca, tra 11.500 strutture, il giusto hotel ‘amico degli animali’ e quello di Coldiretti
www.terranostra.it dove, all’opzione ‘ospitalita’ animali’, sono segnalati gli oltre 6.000 agriturismi in grado di offrire agli animali domestici adeguato ristoro e spazi verdi dove giocare in piena liberta’ e fedele vicinanza ai propri padroni.
Tra le proposte-soggiorno in agriturismo segnalate dall’ organizzazione agricola ci sono le aziende che aprono le porte anche a gatti, volatili, rettili, furetti e cavie e quelli che riservano ai ‘migliori amici dell’uomo’ comodita’ come cucce e lettini confortevoli, acqua sempre fresca e scelta di biscottini
saporiti e croccanti. Alcune aziende agrituristiche, assieme ai menu per i padroni a base di prodotti della tradizione tipica del territorio, preparano pappe speciali per i cani: zuppa con pasta e verdure dell’orto e bocconcini di carne con zucchine e carote che fanno tornare la voglia di mangiare anche al cucciolo piu’ svogliato o male alimentato. A Deruta, in provincia di Perugia, i proprietari di animali potranno persino realizzare per i beniamini medaglioni e collari nella tipica ceramica. Coldiretti ha verificato che un agriturismo su due ospita animali e tra questi il 51% e’ concentrato nelle regioni del Centro Italia, il 28% al Nord, il 15% al Sud e il 6% nelle isole.
Nelle citta’ d’arte e in 54 rinomate localita’ marine, come Rapallo e Viareggio, quest’anno sono 70 gli alberghi della catena Space Supranational sensibili al problema dell’abbandono e disposti ad accettare gli animali nelle proprie strutture da tre a cinque stelle, offrendo servizi di dogsitter e tolettatori
di fiducia. A Riccione la gatta di casa, Chiara, firma il diploma che viene dato, insieme ad un giocattolo, agli esemplari che si sono comportati bene durante il soggiorno. L’hotel Palace di Bari ha ideato la prima ‘camera a quattro zampe’ dove si trovano una brandina in tessuto scozzese, gadget da mordere e un set di prodotti per la pulizia del pelo.
I centri benessere non potevano certo escludere gli animali da compagnia, in quanto una delle piu’ importanti fonti di serenita’ e coccole per il 16% delle famiglie italiane. L’estate 2005 registra quindi porte aperte alle spa, pur soggiornando con i propri animali, al Villa Undulna di Forte dei Marmi, al Regina Palace di Stresa e al centro benessere Fonteverde a San
Casciano. Tra i nuovi servizi pet-oriented alle reception di alcuni alberghi nazionali si possono chiedere prenotazioni aeree con cane e gatto o il check-up bioenergetico proposto dall’hotel Des Nations di Riccione che riserva ai quadrupedi, di peso non superiore ai 6/7 chilogrammi, apposite cucce in spiaggia che garantiscono l’ombra e isolano dalla sabbia rovente.

News Correlate