lunedì, 29 Novembre 2021

Tre nuove mostre al Mart

Scultura, pittura ed installazioni al museo di Rovereto

I visitatori del Museo di arte moderna e contemporanea di Rovereto potranno da sabato 15 maggio visitare tre nuovi allestimenti. A cominciare dalla mostra dedicata a Medardo Rosso, l’artista che, nell’Italia di fine Ottocento, seppe innovare profondamente la scultura, divenendo un “caso” per i contemporanei a livello internazionale. Mai prima d’ora erano state riunite insieme tante sue opere- una sessantina di sculture e una decina di lavori grafici- molte delle quali esposte per la prima volta in Italia, a ripercorrere l’intero iter creativo dell’artista: dalla sua prima scultura – El Looch del 1880 circa, che giunge dal Minneapolis Institute of Art nella versione originaria e fin’ora inedita – all’ultimo lavoro, l’Ecce Puer del 1906. La mostra rimane aperta fino al 22 agosto.
Visitabile fino al 5 settembre invece “Transavanguardia. La collezione Grassi”, un omaggio a quel gruppo di artisti che sulla fine degli anni settanta riproposero un ritorno alla “tradizione” artistica, una rivisitazione in chiave contemporanea della figurazione e dell’astrazione lirica. I dipinti esposti – circa ottanta – fanno parte della collezione di Alessandro Grassi, raccolta in oltre 25 anni di ricerche e di acquisti, e acquisita dal Mart nel 2002. Una scelta spesso guidata dal cuore, d’impatto, di cui fanno parte alcuni capolavori storici come “Bar Tintoretto”, di Chia, “Semi” di Clemente, “Eroe del mare Adriatico centrale” di Cucchi, “Musica occhi” di De Maria e “I diavoli” di Paladino.
Contemporaneamente il Mart dedica uno spazio a Giulio Paolini dal titolo “Sale di lettura: Giulio Paolini dialoga con la collezione permanente”. Si tratta di complesse installazioni, non vere e proprie opere di Giulio Paolini, ma proposte di lettura di altre opere presenti nella collezione permanente del Mart, create da autori come de Chirico, Giorgio Morandi, Fausto Melotti. A loro vengono dedicate installazioni al cui centro figurerà una loro opera, e intorno a cui l’opera di Paolini funzionerà come commento visivo. Visitabile fino al 12 settembre.
Orario: martedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica 10.00 – 18.00, venerdì 10.00 – 21.00, lunedì chiuso.

Info: 0464 438887 –

News Correlate