venerdì, 16 Aprile 2021

Corre sul filo dell’adrenalina l’Estate di Cortina

Sport a 360 gradi tra rafting e ponti sospesi tra gi alberi

Sospesi a 15 metri da terra tra alti larici secolari, in un’alternanza di liane, ponti tibetani e traversate aeree, reti, piazzole e cavi sospesi. A Cortina d’Ampezzo la vacanza estiva non è solo tra le cime delle Dolomiti ma anche tra quelle degli alberi. Un’esperienza – quella offerta dal ”Cortina adrenalin park
ad un costo di 20 euro – davvero interessante aperta a tutti perché alla portata di tutti. L’Adrenalin park, che si trova appena fuori Cortina in direzione di Pocol nello spazio riservato alla pista da bob, consiste in 39 piazzole attrezzate che portano da albero ad albero in ”quota”, con alcuni sali scendi su scale metalliche e di legno, ma soprattutto con collegamenti aerei tra larice e larice fatti di semplici cavi e carrucole o ponti volanti che costringono, in tutta sicurezza, ad autentiche acrobazie degne dei migliori film di avventura.
L’Adrenalin center, che ha realizzato e gestisce il ”park”, con il biglietto di ingresso offre l’indispensabile assistenza tecnica ma anche tutto il materiale necessario per procedere in sicurezza: dal casco all’imbragatura, dalla carrucola a cordini e moschettoni. L’Adrenalin center lancia questo tipo di iniziative, del tutto originali, ogni anno. Già attivi sono il taxi bob, che se d’inverno sfrutta la normale pista d’estate sostituisce i pattini con le ruote, ma anche itinerari e percorsi nei torrenti e cascate della zona, quest’anno particolarmente ricchi d’acqua con il disgelo in ritardo, da affrontare in kayak, con i gommoni da rafting, con gli speciali salvagenti da hydro speed oppure con corda e muta in stile canyonig. Naturalmente non manca
l’offerta, ormai storica, di tracciati da coprire in mountain bike.

News Correlate