venerdì, 16 Aprile 2021

Iata, traffico aereo cresce del 6,7% nel semestre

Bisgnani: “Ma per le compagnie perdite intorno ai 3 miliardi di dollari a fine 2006”

Confermata la crescita, nei primi sei mesi, del traffico aereo internazionale. Lo segnala la Iata
(International Air Transport Association) indicando per i passeggeri un incremento del 6,7%. Tuttavia, nonostante i ricavi abbiano segnato rialzi del 10% negli ultimi 3 anni, le compagnie chiuderanno il 2006 con una perdita di 3 miliardi di dollari. In particolare, nel solo mese di giugno il traffico passeggeri – afferma la Iata – ha mantenuto l’ andamento di crescita forte e stabile degli ultimi 18 mesi con un’espansione del 6,5% rispetto a giugno del 2005. Nel semestre, il coefficiente di carico passeggeri sale a 75,1% (+1,2 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso). “I risultati dipendono dal prezzo del petrolio. I prezzi continuano a toccare livelli da record – ha sottolineato Giovanni Bisignani, direttore generale e amministratore delegato della Iata – e l’aggravarsi delle condizioni di instabilità politica in Medio Oriente non è di buon auspicio per sperare in una flessione del prezzo a breve termine”. Secondo Bisignani è quindi necessario trovare nuove idee commerciali. “Le compagnie aeree stanno mostrando la strada con il loro progetto Simplifying the Business. La conversione al biglietto elettronico al 100% entro la fine del 2007 ne è un grande esempio. Ma ora guardiamo all’industria petrolifera per muoverci più rapidamente verso lo sviluppo di carburanti alternativi per migliorare ulteriormente l’efficienza e l’impatto ambientale”.

News Correlate