martedì, 13 Aprile 2021

Ue prende tempo su body scanner in aeroporti

Oggi probabile approvazione della risoluzione che ne rinvia l’installazione

Il Parlamento europeo prende tempo sull’ipotesi di introduzione, negli aeroporti europei, dei body scanner, gli apparecchi che potrebbero essere installati ai varchi di sicurezza e consentirebbero di visualizzare l’immagine a colori di una persona praticamente nuda. Con una risoluzione che, salvo colpi di scena, dovrebbe essere approvata oggi da parte dell’assemblea di Strasburgo, gli europarlamentari chiedono che ogni decisione europea sulla materia sia rinviata di due-tre mesi in attesa di verificare l’impatto sulla salute e la funzionalità della nuove apparecchiature, comunque già in funzione in alcuni aeroporti europei. Secondo molti europarlamentari, il body scanner rappresenterebbe uno strumento di controllo "indegno" per una società democratica, una brutale violazione dei diritti fondamentali. Davanti agli europarlamentari il commissario ai Trasporti, Antonio Tajani, ha assicurato che nessuna decisione sarà presa prima di aver consultato tutte le parti interessate ed aver raccolto le necessarie informazioni. E che comunque è sua intenzione assicurare che la scelta di passare sotto un body scanner resterà comunque facoltativa. In alternativa si dovrà sempre e comunque poter optare per una perquisizione corporale.

News Correlate