giovedì, 19 Maggio 2022

Fiavet: se si va all’estero, il viaggio si prenota in adv

Nei primi sei mesi di quest’anno 26% italiani ha acquistato la vacanza in agenzia e l’11 sul web

Nel primo semestre 2010, il 26,3% degli italiani è andato in adv per prenotare la vacanza principale mentre l'11% ha usato internet rispetto all'8,2% del 2009. Dunque sempre più italiani comprano sul web e si recano meno di frequente in adv (10,8% rispetto al 15,4% del 2009). Ma quando gli italiani decidono di fare una vacana all'estero optano per l'agenzia di viaggio. Secondo il rapporto dell'Osservatorio Nazionale Imprese di viaggi e turismo a cura dell'Isnart, presentato a bordo di Msc Fantasia nel corso dell'ultima convention d'autunno di Fiavet, l'ausilio delle adv si conferma indispensabile quando gli italiani vanno all'estero (43,7%) e acquistano in primis le proposte da catalogo dei TO (23,1%) e nel 14,7% dei casi avvalendosi delle agenzie on line. Contemporaneamente cresce anche la tendenza a ricorrere alla consulenza degli adv per organizzare vacanze in Italia, quota che quest'anno si attesta sul 18,7%.
Inoltre, si accentua anche l'attitudine a prenotare sotto data. La ricerca di un maggiore risparmio e di offerte convenienti ha portato la quasi totalità degli italiani a prenotare al più due mesi prima dalla partenza sia per gli acquisti in adv che per quelli on line. In particolare, sono stati gli acquisti effettuati in adv ad aver subito un'accelerazione della prenotazione all'ultimo minuto (in due anni la quota di quanti si sono recati in adv una settimana prima di partire è cresciuta del 6,6%). La maggior parte dei vacanzieri che va in adv, però, prenota con un mese di anticipo (33,2%). 

News Correlate