giovedì, 15 Aprile 2021

Airbus, l’A380 riceve il certificato di navigabilità

A ottobre Singapore Airline riceverà le prime consegne

Sono servite 2600 ore di volo, 18 mesi di test e 5 superjumbo in giro per il mondo per consegnare all’Airbus A380 il certificato di navigabilità. Il riconoscimento all’aereo più grande della storia dell’aviazioni civile ha posto anche la parola fine all’annata nera di Airbus che, nel frattempo, ha dovuto far fronte a ritardi nelle consegne e scandali per insider trading. Il certificato è stato consegnato a Tolosa, sede del costruttore europeo, alla presenza dei responsabili dell’agenzia europea della sicurezza aerea, Easa, e dei colleghi americani della Faa, in tal modo il costruttore europeo dovrebbe riprendere quota e lasciare alle spalle le difficoltà che hanno messo a dura prova la sua organizzazione industriale e la governance della casa madre Eads. Se non vi saranno altri rinvii nelle consegne, la Singapore Airlines riceverà a ottobre prossimo il primo piroscafo dei cieli dal costo di 228 mln di euro, con due anni di ritardo sulla tabella di marcia iniziale. L’aereo, che in versione charter potrà trasportare 840 persone, ha ricevuto finora 149 ordini accompagnati da 17 intenzioni di acquisto da parte di 15 compagnie. Il ministro dei trasporti francese, Dominique Perben, ha ribadito la sua fiducia nel successo dell’A380 che ha definito “un aereo eccellente la cui qualità è riconosciuta al di qua e al di là dell’Atlantico”. “Airbus – ha aggiunto – ha saputo rispondere a tutte le sfide tecnologiche di questo apparecchio fuori del comune”.

News Correlate