venerdì, 26 Febbraio 2021

Alitalia, Sabelli: il 2010 sarà un anno difficilissimo

E si scaglia contro Ryanair: nell’ultimo anno 190 mln di contributi

Alitalia archivia un 2009 "accettabile visto il contesto, ma ci aspetta un 2010 difficilissimo e complicato". Non si fa illusioni l’amministratore delegato Rocco Sabelli, la strada che attende la compagnia è ancora in salita. Ma a distanza di quasi un anno dal decollo, il bilancio della nuova Alitalia mostra "un trend incoraggiante". L’occasione per fare il punto, è un convegno sul trasporto aereo promosso dalla Cgil. Ed è scontro con il leader Guglielmo Epifani, tacciato di "ingenerosità". "Alitalia è in partita: abbiamo avuto una partenza difficile con risultati non incoraggianti perché perdiamo, ma il nostro trend è incoraggiante. I conti reggono, la posizione finanziaria è solida, possiamo giocare la partita fino in fondo", ha affermato Sabelli rivendicando la validità del piano industriale scritto un anno fa. Poco prima, Epifani aveva bacchettato Alitalia. Se vuole avere un futuro e una prospettiva "non può vivere alla giornata. Ci vuole un piano di investimenti, di rilancio, un piano più attento alle esigenze dei consumatori" ha detto il segretario Cgil aggiungendo che resta sul tappeto anche "il grande tema delle alleanze internazionali dove il problema non è allearsi ma allearsi e contare", non quindi essere succubi di Air France. Parole che non vanno giù a Sabelli: “credo che Epifani, prima di rilasciare certe dichiarazioni, dovrebbe informarsi sugli investimenti già realizzati e pianificati – ha detto ancora – sul lavoro svolto e sui risultati ottenuti finora. Quanto alla presunta mancanza di un piano industriale e di una strategia di medio-lungo termine, ricordo a Epifani che esistono e sono gli stessi da lui condivisi e sottoscritti poco più di un anno fa". Ma il top manager di Alitalia ha scagliato frecce anche all’indirizzo dei concorrenti più temibili, come Ryanair. Citando dati di fonte Aea, Sabelli ha detto che nel bilancio 2009 chiuso il 31 marzo scorso, la regina delle low cost evidenzia un profitto operativo per 92 milioni e 190 milioni di contributi dichiarati, provenienti da scali aeroportuali ed enti territoriali. "Non abbiamo notizie dei contributi non notificati", ha aggiunto sottolineando la "fortissima asimmetria competitiva" che si viene così a creare.

News Correlate