giovedì, 15 Aprile 2021

Alitalia, trattativa chiusa: niente Cigs per chi dice no

Intanto Fantozzi invia ai sindacati prima lettera sulla messa in mobilità

Fra Cai, governo e sindacati il caso Alitalia è archiviato. Nessuna ulteriore convocazione, quindi, né da parte di Compagnia aerea italiana né dall’Esecutivo delle cinque sigle del ‘fronte del no’, che non hanno firmato venerdì scorso – a differenza dei confederali – le intese su contratti e criteri di selezione e assunzione. Se le associazioni dei piloti e degli assistenti di volo di Alitalia e AirOne non firmeranno, Cai procederà a chiamata individuale e chi rifiuta non avrà la cassa integrazione. Intanto ai sindacati è arrivata la prima lettera dal commissario straordinario di Alitalia, Augusto Fantozzi, riguardante la messa in mobilità, che avvia la procedura di licenziamento, del personale di Alitalia (8.429 addetti) e Alitalia Express, il vettore regionale del gruppo, in cui ci sono 597 dipendenti. Contestualmente ai licenziamenti, Cai assumerà 12.630 persone per evitare l’interruzione dell’operatività.

News Correlate