martedì, 20 Aprile 2021

Alitalia, oggi piloti in assemblea a Fiumicino

Ma per Colaninno rispettati gli accordi di Palazzo Chigi

Monta la protesta di piloti e hostess, che oggi alle 15 nei locali della mensa centrale di Alitalia all’aeroporto di Fiumicino si riuniranno in assemblea. A detta del ricostituito "Fronte del No", composto da Anpac, Up, Avia, Anpav e Sdl e Cub Trasporti, le sigle sindacali che non hanno firmato l’accordo, il Piano Fenice sottoscritto dai sindacati confederali e da Ugl, non rispetterebbe l’accordo siglato a settembre a palazzo Chigi in particolare per quel che riguarda contratti e selezione del personale per la nascita della Nuova Alitalia. Ma Cai ha deciso di rendere pubblici gli accordi sottoscritti da tutti i sindacati a palazzo Chigi, replicando così alle accuse delle sigle autonome. Intanto l’ad di Cai, Rocco Sabelli annuncia che la Nuova Alitalia potrebbe decollare il primo dicembre, con a bordo i piloti ed il partner estero. Sabelli, in una intervista, afferma di ritenere "chiusa la fase sindacale perché grazie alla ragionevolezza dei confederali e dell’Ugl – dice – abbiamo i criteri di selezione, i contratti e il lodo Letta". Ma le parole di Roberto Colaninno sul possibile ricorso alla chiamata nominativa se i piloti non ci ripensano, e di Sabelli ("andremo da tutti i piloti e i lavoratori uno per uno, indipendentemente da chi sono rappresentati"), hanno aperto un altro fronte di scontro. Il presidente dell’Up, Massimo Notaro, auspica che "i comandanti non vadano a lavorare con Cai che non ha rispettato i patti. Io non lo farò", assicura. Più pacate Sdl e Avia: "non inviteremo certo i lavoratori a non accettare il lavoro, non se lo possono permettere", dicono ma tra i lavoratori si assicura "siamo compatti". Il fronte del ‘no’ respinge al mittente anche la definizione di Colaninno che a proposito dei sindacati dei piloti e hostess, ha parlato un’intervista di "casta che pone veti" e di "corporazione che non risponde a nessuno". Oggi poi entra nel vivo anche l’esame dell’offerta di Cai per la parte ‘buona’ di Az Fly, da parte del commissario straordinario Augusto Fantozzi. L’intenzione è di fare in fretta, entro fine novembre, ma è da valutare il prezzo offerto da Cai con la stima degli advisor di Alitalia.

News Correlate