martedì, 2 Marzo 2021

La Spagna sferza attacco alle meduse

Negli ultimi anni hanno creato danni economici agli operatori

Il Governo spagnolo ha dichiarato guerra aperta alle meduse. Con il “Piano Medusa”, coordinato dal ministero dell’Ambiente, il Paese intende contrastare l’arrivo massiccio delle meduse che oramai da qualche anno infestano le coste del Paese creando seri problemi economici agli operatori turistici. Il piano consiste nell’avvistare l’animale appartenente alla famiglia dei Celenterati prima che questo si avvicini troppo alla riva. Per affrontare l’emergenza, secondo fonti giornalistiche, il Governo avrebbe stanziato 400 mila euro. Nonostante le misure prese, comunque, il ministro all’Ambiente Cristina Narbona ha ammesso che tutto ciò non garantirà comunque il completo debellamento dell’animale nella zona balneare. Secondo i biologi marini, l’arrivo delle meduse sulle coste del mediterraneo è dovuto, in parte, alla pesca indiscriminata da parte dell’uomo di tonni, pesce spada e altri pesci che sono i principali predatori delle meduse. In più, il surriscaldamento globale crea le condizioni perfette alla proliferazione della Pelagia noctiluca ovvero la medusa più tipica nel Mediterraneo.

News Correlate