giovedì, 22 Aprile 2021

Ocse/2, Brambilla: 5 idee per evitare recessione

Tra queste, differenziare l’offerta e maggiore professionalità addetti

"Oggi non c’é gara, purtroppo, nella globalizzazione, fra le cicale che operano nel mondo della finanza e le parsimoniose formiche che cercano di produrre nell’alveo dell’economia reale: in poche settimane la finanza è riuscita a distruggere una ricchezza forse dieci volte superiore a quella che il turismo internazionale dei grandi numeri è riuscito, con grande fatica, a produrre in un intero anno". Lo ha detto Michela Vittoria Brambilla, sottosegretario con delega al Turismo, nel concludere a Riva del Garda l’incontro Ocse su "l’economia del turismo e la globalizzazione". Per fronteggiare questa situazione difficile, che rischia di trasformarsi in recessione, Brambilla ha proposto alle delegazioni di 39 paesi una serie di interventi sintetizzabili in cinque punti. Eccoli: una programmazione sistematica di tutte le strutture, le energie e le risorse di cui il settore del turismo dispone; una maggiore sinergia internazionale per le reti di trasporto, la grande logistica e le reti web; la necessità di "differenziare maggiormente l’offerta"; la maggiore professionalità da parte degli addetti nelle strutture di accoglienza; infine l’avvio di un processo che porti le piccole imprese a consorziarsi per creare "maggiori e più convenienti economie di scala".

News Correlate