lunedì, 10 Maggio 2021

Papa: no a turismo che distrugge ambiente e culture

E Benedetto XVI rilancia l’importanza del turismo sociale

Guai a chi distrugge, in nome del turismo, la natura, i beni della terra o abusa delle culture delle popolazioni locali. E’ il monito lanciato da Papa Benedetto XVI che ha ricevuto, nella sua residenza estiva di Castel Gandolfo, i partecipanti all’incontro promosso dal centro turistico Giovanile (Ctg) e dall’Ufficio Internazionale del Turismo Sociale (Bits). "L’esperienza – ha osservato Ratzinger – insegna che la gestione responsabile del creato fa parte, o così dovrebbe essere, di un’economia sana e sostenibile del turismo". "Al contrario – ha avvertito – l’uso improprio della natura e l’abuso inferto alla cultura delle popolazioni locali, danneggia anche il turismo". "E’ pertanto necessario, soprattutto nell’ambito del turismo, grande fruitore della natura, che tutti – ha esortato – tendano a una gestione equilibrata del nostro habitat, di quella che è la nostra casa comune e lo sarà per quanti verranno dopo di noi". Infine Benedetto XVI ha rilanciato l’importanza del "turismo cosiddetto sociale, che promuove la partecipazione delle fasce più deboli e può essere così un valido strumento di lotta contro la povertà e tante fragilità, fornendo impieghi, custodendo le risorse e promuovendo l’uguaglianza".

News Correlate