sabato, 16 Gennaio 2021

Tirrenia, debiti in calo, sindacati: compagnia è solida

A fine anno sarebbe previsto a 571 mln contro i 725 milioni del 2008

I sindacati hanno tirato un sospiro di sollievo sentendo le reali cifre dell’indebitamento di Tirrenia nel corso dell’incontro con i vertici della compagnia marittima. L’indebitamento del gruppo sarebbe previsto in calo a fine anno a quota 571 milioni: era di 725 milioni a fine 2008 e di 648 milioni allo scorso agosto. Mentre il valore di mercato della flotta di Tirrenia sarebbe di un miliardo e 80 milioni a fronte di un valore iscritto in bilancio per 855 milioni. Escluse le compagnie regionali il valore sarebbe invece di 933 milioni.
Pertanto, secondo i sindacati, le indicazioni dimostrano che l’azienda può affrontare la privatizzazione a condizioni di mercato "senza svendite". Ma dai vertici di Tirrenia sarebbe arrivata anche la conferma del percorso previsto dal governo. Come primo passo il conferimento delle flotte regionali alle Regioni dove operano. Poi, dopo aver sfoltito il gruppo cedendo le flotte regionali, la gara per la privatizzazione. Per il segretario generale della UilTrasporti, Giuseppe Caronia, i dati indicati oggi dimostrano che la compagnia è "sana e non piena di debiti, non siamo di fronte ad un nuovo caso Alitalia: la sola vendita delle 5 navi di tipo Bithia, del valore di 115-120 milioni l’una, basterebbe a ripianare tutto il debito.

News Correlate