sabato, 31 Ottobre 2020

Ai nastri di partenza la 623^ edizione del Carnevale Putignano

Torna per la 623^ volta la sfilata dei carri del Carnevale di Putignano (Bari), con 50 eventi collaterali tra musica, arte e cultura, ma soprattutto le quattro giornate in cui saranno protagoniste le enormi creazioni dei maestri cartapestai.  I carri potranno essere ammirati a pagamento il 12, il 19, il 26 e 28 febbraio (martedì grasso), sempre alle 15.30.    

I dettagli dell’iniziativa sono stati presentati a Bari dal presidente della fondazione Carnevale di Putignano, Giampaolo Loperfido, dal direttore del dipartimento Cultura della Regione Puglia, Aldo Patruno, dal sindaco di Putignano, Domenico Giannandrea, e dal sindaco della città metropolitana di Bari, Antonio Decaro. Decaro ha evidenziato l’importanza di “lavorare come una squadra per incrementare i numeri del turismo che quest’anno hanno visto anche la provincia di Bari protagonista nel salto di qualità che ha fatto tutta la Puglia”.

“La destagionalizzazione del turismo – ha sottolineato Patruno – passa attraverso la valorizzazione della tradizione artistico-artigianale, proprio quello che accade con il Carnevale”. 

“Quest’anno – ha spiegato Giannandrea – ci sarà un modesto ticket (da 5 a 10 euro) per vedere le sfilate, che io considero una sorta di assicurazione sulla vita del Carnevale che incide sulle casse del Comune”.    

Inoltre, il Carnevale ospiterà un’anteprima con Max Casacci e Ninja dei Subsonica che presenteranno ‘Demonology Hi Fi’, dando il via al tour nazionale da piazza principe di Piemonte, (il 23 febbraio alle 21). Infine, in occasione del Carnevale, Putignano apre il museo Principe Gugliemo Romanazzi Carducci di Santo Mauro, alla presenza di Vittorio Sgarbi (evento inaugurale sabato 4 febbraio alle 18.30). 

News Correlate