domenica, 18 Aprile 2021

Santa Tecla Palace, ad aprile nuovo Centro Congressi

Nel secondo start up previsto anche completamento degli spazi comuni

Avviato il secondo start up dell’Hotel Santa Tecla Palace di Acireale che prevede la realizzazione di un nuovo Centro Congressi e il completamento degli spazi comuni. La fine dei lavori è prevista per aprile 2009. Il Centro Congressi che verrà realizzato sarà composto da una grande sala polivalente e da altre sette sottosale di varie dimensioni. La sala principale da 500 posti con disposizione a teatro, potrà essere divisibile in due sale ognuna da 200 posti ciascuna, dotata di luce naturale, con affaccio su spazi verdi e vista verso il mare. Le altre sette sottosale concepite come ampi spazi con disposizione di base a teatro, saranno due sale da 90 posti, una sala da 15 posti, e quattro sale da 25 posti. Tutte sempre dotate di luce naturale, e vista mare o Riserva Naturale della Timpa. Due grandi foyer, rispettivamente da 460 e 130 metri quadrati, separeranno la sala principale dagli altri spazi meeting. Un Roof Garden di 300 metri quadrati, potrà trasformarsi in un’ulteriore sala da 120 posti, sempre con disposizione di base a teatro. Il Centro Congressi sarà collegato alla struttura alberghiera, e allo stesso tempo separato, in modo da non interferire con lo stessa, e sarà dotato delle più moderne tecnologie. Saranno inoltre ristrutturate e adeguate tecnologicamente le attuali due Sale Congressi poste all’interno dell’Hotel, la Sala dei Rei e la Sala Oliviero, rispettivamente da 80 e 40 posti, portando così ad un totale di 11 gli spazi congressuali a disposizione. Tutte le sale saranno modificabili, come tipo di disposizione, in base alle esigenze o richieste del committente. Per quanto riguarda il “cuore” della struttura, attualmente lo spazio delimitato dalla piscina d’acqua salata, questa ospiterà piccoli ristoranti, costruiti su palafitte di legno, tipici della zona, che si specchieranno nell’acqua, attraverso un laghetto artificiale, lato piscina. Il tutto sarà delimitato da mura esterne originarie di questo “borgo”, che saranno evidenziate con un rivestimento in materiale lavico. “La nuova hall – prosegue Andrea Cavallaro, amministratore delegato della Blumar S.p.a., proprietaria dell’hotel – sarà realizzata come una piazza coperta, utilizzando gli stessi materiali usati per gli esterni, e supportata da effetti di luce e lucernari, ed animata da piccoli ristoranti e vetrine, diventando per gli ospiti uno spazio a cielo aperto”. Dalla nuova hall, affacciata sulla piscina progettata come un prolungamento del mare, partiranno i corridoi i cui interni diventeranno spazi esterni, “trasformandosi” in vicoli di questo borgo marinaro, che condurranno alle camere.

News Correlate