venerdì, 26 Febbraio 2021

A Noto splende di nuovo la cattedrale barocca

Misuraca: “Tutela del patrimonio dell’isola per destagionalizzare flussi”

“La riapertura della cattedrale di Noto, in tutta la sua integra bellezza, rappresenta un momento significativo poiché restituisce un prezioso gioiello all’ineguagliabile patrimonio culturale, architettonico e artistico di cui la nostra regione dispone”. Lo ha dichiarato l’assessore regionale al Turismo, Dore Misuraca, in occasione dell’inaugurazione del gioiello barocco. “La valorizzazione e la tutela del patrimonio dell’isola è uno dei passaggi fondamentali per la destagionalizzazione dei flussi e la diversificazione dell’offerta turistica in Sicilia, che – ha aggiunto Misuraca – vanta come valore aggiunto la straordinaria ospitalità dei siciliani, il clima mite e la meravigliosa componente naturale e paesaggistica del territorio”. Presente alla cerimonia di inaugurazione di stamattina il premier Romano Prodi. “Adesso – ha affermato il presidente del Consiglio – bisogna fare in modo che Noto sia conosciuta in tutto il mondo intero perché turismo e valorizzazione del patrimonio artistico sono per il nostro governo una priorità e devono rappresentare anche un elemento dello sviluppo un’ opportunità di crescita e fonte di ricchezza diffusa”. Per l’assessore regionale ai Beni culturali, Lino Leanza è “la fine di un lutto”. Quindi Leanza è tornato sulla rinuncia delle trivelle in Val di Noto: “In questi giorni l’intero Val di Noto è stato al centro del mondo culturale: abbiamo “battuto” le trivelle e le multinazionali che hanno rinunciato a insediarsi in questo angolo della nostra terra. La decisione della società americana Panther di rinunciare alle trivellazioni nel Val di Noto ha premiato la perseveranza del governo siciliano che stava già predisponendo un disegno di legge per bloccarle”.

News Correlate