mercoledì, 14 Aprile 2021

Il ritorno della Venere di Morgantina si avvicina

Leanza: “Tutto merito della diplomazia e della mobilitazione popolare”

“Il Paul Getty Museum sta sensibilmente ammorbidendo la sua posizione nella disputa con il Ministero ai Beni e alle Attività culturali e con la Regione Siciliana”. Lo afferma l’assessore regionale ai Beni culturali, Lino Leanza, in seguito alle recenti dichiarazioni del direttore del Paul Getty Museum, Michael Brand, che si dice pronto a restituire la Venere di Morgantina all’Italia. Secondo Leanza è “merito dei rapporti diplomatici avviati ma anche dell’effetto della manifestazione popolare dello scorso 17 dicembre che ha visto per la prima volta in piazza istituzioni, associazioni e gente comune, impegnate in un’azione forte e significativa”. “Se riavremo la Venere – aggiunge l’assessore – si chiuderà uno dei principali dossier, oggetto di attenzione non solo del governo ma anche della magistratura, tra il Paul Getty e l’Italia”. Della vicenda ha scritto anche il Los Angeles Times che ha messo in dubbio la buona fede del Museo, sostenendo che i suoi responsabili già nel 1988, anno di acquisto della statua, sapevano che l’Afrodite era un reperto trafugato. “Penso – afferma Leanza – sia tempo che la statua torni a Morgantina e, per raggiungere l’obiettivo, c’è da parte nostra una grande apertura per una immediata collaborazione con il museo californiano. E’ questo un aspetto a cui teniamo molto”.

News Correlate