giovedì, 15 Aprile 2021

Garda, un anno di pienone per il turismo

Ma l’incremento maggiore si registra in campeggi e villaggi

Nell’annuale relazione dell’Ugav, Unione gardesana albergatori veronesi, svoltasi all’hotel Caesius di Cisano, il presidente Giuseppe Lorenzini ha elencato in modo dettagliato l’attività svolta dall’associazione che raggruppa 370 alberghi, pari all’82% degli hotel esistenti sulla Riviera degli Olivi. Un’analisi ad ampio respiro a partire dal dato delle presenze turistiche. “Siamo riusciti ad aumentare le presenze della sponda veronese del Garda di quasi il 4%, passando da nove milioni e 136mila presenze del 2005 ai nove milioni e 444.681 di quest’anno”, ha sostenuto Lorenzini, precisando però che l’aumento è dovuto quasi completamente ai campeggi e ai villaggi turistici. “Come alberghi abbiamo avuto solo un incremento di presenze dello 0,55 per cento”. In cifre, circa 20mila presenze in più rispetto al 2005, per un totale di tre milioni 710.887 pernottamenti, a fronte di un milione d’arrivi (+ 3,61%). In relazione invece alla centrale di prenotazioni Garda Pass, al quinto anno di attività, il massimo dirigente degli albergatori ha ricordato come il servizio, al quale aderiscono 275 hotel, offre lavoro a 10 dipendenti, che hanno raccolto 9.300 prenotazioni per 63mila presenze e un volume d’affari di due milioni e 700mila euro. Infine proseguirà anche nel 2007 il servizio di free transfer dagli aeroporti di Villafranca, Montichiari e Orio al Serio. In pratica i turisti che giungono in uno di questi tre aeroporti e che soggiornano in una struttura alberghiera della Riviera degli Olivi, vengono trasportati gratuitamente al proprio hotel: sono stati 8.300 gli ospiti che hanno beneficiato del servizio e di questi, 4.750 da Verona, 2.700 da Brescia e 850 da Orio al Serio.

News Correlate