I siti Unesco di Ravenna sempre più accessibili con il progetto ‘Usefall’

Grazie al progetto europeo Usefall, volto a finanziare un turismo inclusivo e innovativo, la città di Ravenna ha pensato di allargare la possibilità di accesso ai suoi siti Unesco ai turisti con disabilità. Il valore complessivo del finanziamento previsto dal progetto Usefall è di oltre 1 milione e 140 mila euro, dei quali circa 340 mila finiranno direttamente nelle casse di Ravenna.

Nei 18 mesi di durata del progetto, che inizierà a gennaio 2018 per concludersi a giugno 2019, si procederà a realizzare 2 tipi di attività: la prima riguarda lo sviluppo dell’accessibilità, per i cittadini con un qualsiasi tipo di disabilità ai siti Unesco e il Comune di Ravenna si prodigherà nella realizzazione di un percorso tattile sui mosaici, pensato per ipo/non vedenti in visita a Sant’Apollinare; la seconda attività si occuperà dello sviluppo e della promozione dei siti Unesco, con l’obiettivo di renderli più facilmente fruibili anche alle persone con disabilità, tramite incontri formativi e attività educativo-promozionali specifiche. Ravenna si attiverà per organizzare corsi di formazione specifica sulla disabilità, per produrre materiali in braille e video promozionali nella lingua dei segni, guide audio e workshop per gli operatori interessati.
“Sono orgogliosa dell’obiettivo raggiunto e delle risorse che, grazie alla progettazione europea, portiamo sul territorio. Il programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Croazia, oltre ai bandi dei quali stiamo aspettando l’esito, ha previsto un’ulteriore possibilità per le città che avevano già partecipato a progetti di cooperazione territoriale aprendo il bando standard, che ci ha assegnato i 340 mila euro, che impegneremo per una migliore accessibilità del nostro patrimonio artistico e culturale per le persone con bisogni speciali, ideando soluzioni innovative”, commenta Ouidad Bakkali, assessore alle Politiche europee di Ravenna.

News Correlate