L’Emilia Romagna è una destinazione in crescita

Secondo il 70% dei 100 TO stranieri, presenti al Buy Emilia Romagna, la destinazione è destinata a crescere nei prossimi anni come meta turistica sui mercati internazionali.

Secondo gli addetti ai lavori, l’Emilia Romagna è una destinazione in crescita per il futuro, a partire già dall’autunno del 2015. Per il restante 30% è stabile.

Si chiude dunque con un bilancio positivo e con molte contrattazioni in via di conclusione la 20^ edizione del Buy Emilia Romagna, la Borsa del Turismo promossa da Confcommercio-Imprese per l’Italia dell’Emilia Romagna con Apt Servizi Emilia Romagna, e con il patrocinio di Enit,

Degustazioni di vini pregiati all’Enoteca regionale, la visita ad un mulino artigianale di farine dell’Appennino, il giro di pista su una Ferrari all’autodromo, il nordic walking in pineta, la navigazione nel Delta del Po, la passeggiata nelle “corti” del gusto di Bologna.
Sono alcune delle esperienze ed attività che i TO hanno fatto in questi giorni durante la manifestazione. Ed è proprio la possibilità di vivere un’esperienza in prima persona legata al territorio, insieme all’arte e alla cultura, l’enogastronomia di eccellenza e, sempre di più, anche il wellness e la vacanza attiva sulla costa, il tipo di proposte che i TO hanno apprezzato quest’anno.

“Da vent’anni con il Buy Emilia Romagna  – commenta Pietro Fantini, direttore regionale di Confcommercio Emilia Romagna – portiamo i buyer internazionali a conoscere dal vivo l’offerta turistica dell’Emilia Romagna, per anticipare le nuove tendenze del turismo mondiale ed orientare le proposte dei nostri operatori verso le novità richieste dal mercato”.

“Il Buy Emilia Romagna si è dimostrata un’operazione vincente per la promozione e la comunicazione del territorio a operatori di tutto il mondo – dice Liviana Zanetti, presidente di Apt Servizi Emilia Romagna. Il successo è stato quello di unire per lo stesso obiettivo tante realtà pubbliche e private come fossero un unico coro. I risultati ci dicono che questa intuizione era quella giusta” .

Dopo due giornate dedicate all’esplorazione del territorio regionale attraverso gli educational tour, nella Borsa turistica ospitata a Bologna, a Palazzo Re Enzo, i TO hanno concretizzato i rapporti con gli operatori del territorio, in 8 ore di contrattazione non-stop.

L’enogastronomia è stato il tema degli incontri del pomeriggio, nell’ambito del programma sperimentale di APT Servizi Emilia Romagna sul ‘Turismo enogastronomico dell’Esperienza’. 

News Correlate