domenica, 27 Novembre 2022

Qual è il momento migliore per prenotare un viaggio? Lo svela KAYAK.it

Buone notizie per chi ama organizzare i propri viaggi sotto data: con minor preavviso si trovano voli più economici per le destinazioni europee. Lo rivela KAYAK.it che suggerisce agli italiani come visitare le destinazioni più trendy del prossimo anno risparmiando su voli e hotel. Se si prenota uno o due mesi prima della partenza, infatti, si può risparmiare fino al 56%: è questo il caso delle tratte per Edimburgo, ma è possibile concludere buoni affari anche per Londra e Budapest, dove – acquistando a un mese dal decollo – si paga rispettivamente il 49% e il 46% in meno.
Lisbona è l’unica meta del Vecchio Continente che richiede maggiore pianificazione, con ben 8 mesi di anticipo necessari per aggiudicarsi i prezzi più convenienti (fino al 38% di risparmio).
Per le tratte a lungo raggio è richiesta invece una pianificazione più strutturata: lo dimostra il fatto che prenotando dai 7 ai 9 mesi prima della partenza per 4 delle 10 mete più popolari (Phuket, Dubai, San Francisco e Malé) è possibile garantirsi i voli alle tariffe più convenienti, mentre per Tokyo e Colombo, il risparmio più elevato si ottiene con soli 4 o 5 mesi di anticipo.
Interessante notare che per raggiungere alcune delle più popolari città negli Stati Uniti, come New York, Miami e Los Angeles, basta acquistare i biglietti solo 1 o 2 mesi prima per risparmiare rispettivamente il 29%, 28% e 43%.
Per la maggior parte delle destinazioni, sia europee che a lungo raggio, è possibile ottenere prezzi più bassi scegliendo di prenotare voli in partenza all’inizio della settimana – da lunedì a mercoledì – evitando invece il weekend. Scegliere accuratamente quando viaggiare consente di risparmiare fino al 77% per voli continentali e fino al 38% per voli extra europei.
Conoscere il momento migliore in cui prenotare il proprio soggiorno in albergo può portare a grandi risparmi. Per mete europee come Amsterdam, Praga, Budapest, Edimburgo e Parigi i prezzi migliori si trovano cercando sistemazioni da 1 a 3 mesi prima del proprio arrivo. Se si vuole invece trovare un alloggio a basso costo a Londra, Lisbona, Berlino, Copenaghen e Madrid è bene muoversi con largo anticipo (da 8 a 11 mesi prima). Curioso notare, invece, che per la maggior parte delle destinazioni a lungo raggio (7 città su 10), le migliori offerte si trovano con un anticipo di 1 o 2 mesi. Tra queste New York, Punta Cana, Dubai, Tokyo e Bangkok, che offrono prezzi più economici finalizzando la prenotazione un solo mese prima di fare la valigia. Nel Vecchio Continente, Budapest è la città che offre la percentuale di risparmio più elevata: prenotando l’hotel tre mesi prima della partenza si paga il 38% in meno rispetto a una prenotazione effettuata dieci mesi prima della partenza. Anche per soggiorni a Edimburgo e Parigi conviene prenotare rispettivamente 2 e un 1 mese prima invece di 11, per avere così un risparmio rispettivamente del 37% e 23% sulla camera d’albergo.

Nella ricerca delle destinazioni più convenienti e trendy per il 2018, KAYAK.it registra un considerevole aumento di ricerche di hotel su Monaco (+86%. Chi desidera visitare la tipica meta dell’Oktoberfest può assicurarsi un risparmio del 35% prenotando il proprio hotel quattro mesi prima del viaggio. Molti sono inoltre gli italiani che desiderano fughe esotiche e lo dimostra l’aumento a triplice cifra delle ricerche per voli verso Antananarivo in Madagascar (+369). Per concedersi una vacanza paradisiaca si può risparmiare fino al 29% con una prenotazione anticipata di 9 mesi.
Secondo una ricerca condotta da Opinium per conto di KAYAK allo scopo di scoprire tendenze e abitudini di viaggio degli italiani è emerso che gli abitanti del Bel Paese sono molto meticolosi quando devono cercare il proprio viaggio: infatti, oltre un quinto di loro (22%) trascorre dalle 3 alle 6 ore online per trovare la vacanza perfetta. Solo una piccola percentuale invece (4%) è ancora fedele a metodi offline più tradizionali, come le adv, fetta che cresce fino al 17% se si guarda alla fascia di età degli over 65. Ancora una volta i ragazzi, dai 18 ai 24 anni, si confermano i più tecnologici anche in ambito travel: infatti solo il 2% di loro ricorre a ricerche offline.
I viaggiatori italiani sono anche attenti al budget dei propri viaggi: oltre la metà (53%) degli intervistati dichiara infatti di effettuare un controllo dei prezzi per la stessa offerta anche dopo aver finalizzato la prenotazione, per scoprire se i costi sono successivamente scesi. Si tratta di un’abitudine abbastanza comune tra i giovani tra i 25 e i 34 anni (in questo caso la percentuale sale al 67%), mentre la generazione degli over 65 non sembra preoccuparsene: il 44% degli intervistati in questa fascia di età non controlla più i prezzi una volta conclusa la prenotazione.

News Correlate