Israele, antica Cesarea torna ai fasti del passato grazie ad investimenti sul turismo

A duemila anni dalla sua costruzione come principale porto della Regione, Cesarea si candida alla qualifica di principale sito archeologico di Israele. In questa località,visitata ogni anno da un milione di turisti, israeliani e stranieri, è stata inaugurata un’ulteriore attrazione: una passeggiata sulle mura erette nel 1251 in occasione della visita del re di Francia Luigi IX. I visitatori potranno aggirarsi nel mercato crociato e passare attraverso un tunnel segreto utilizzato durante gli assedi per garantire l’approvvigionamento della città con cibo e munizioni.

“Cesarea rappresenta un modello particolare di successo fra i siti archeologici israeliani – ha spiegato Shaul Goldstein, direttore dell’Autorità israeliana per i parchi e la natura – Innanzi tutto perché qua i resti archeologici si sono preservati in maniera eccellente”.
Inoltre, nel parco archeologico di Cesarea sono attivi giorno e notte locali di ritrovo fra cui ristoranti, caffè, botteghe. Per la sua perfetta acustica e per la sua ubicazione in riva al mare anche il teatro romano richiama molte migliaia di spettatori in occasione di spettacoli musicali.
Lo sviluppo delle attrazioni turistiche di Cesarea è sostenuto, oltre che dal governo israeliano e da altri enti, anche dalla Fondazione Edmond de Rothschild che nell’ultimo decennio ha investito 150 milioni di shekel, 40 milioni di euro. Il suo obiettivo, ha precisato la baronessa Ariane del Rothschild nella serata di inaugurazione della passeggiata, è non solo di incentivare il turismo, ma anche di rafforzare il tessuto sociale fra Cesarea e due città vicine. Mentre la prima si distingue per il suo elevato tenore di vita, nella ebraica Or Aqiva e nella araba Jisser a-Zarka vivono anche strati sociali popolari. Per Jisser a-Zarka viene adesso progettato un pittoresco porticciolo di pescatori che sarà collegato con una passeggiata sul mare al sito di Cesarea. A ridosso di Jisser a-Zarka sarà recuperato inoltre un breve tratto dell’acquedotto romano rimasto finora in abbandono.
“La nostra visione – ha concluso Israel Hasson, direttore dell’Autorità israeliana per le antichità – è di restituire Cesarea ai suoi giorni di gloria, quando era un porto vibrante che offriva ai visitatori anche esperienze culturali”.

News Correlate