mercoledì, 28 Ottobre 2020

Israele e Go World incontrano gli adv del Nord Italia

Si è conclusa la serie di 4 eventi organizzati da Go World in collaborazione con il Ministero del Turismo di Israele per promuovere la destinazione entrata da qualche anno a far parte dell’offerta di Go Asia. “Siamo felici che Israele sia entrata a far parte delle mete di punta su cui Go World ha deciso di investire – dice Avital Kotzer Adari, direttrice dell’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo in Italia – il nostro Ministero da sempre crede nella filiera del Turismo e siamo orgogliosi di poter collaborare in maniera così dinamica con un tour operator attentissimo alle esigenze delle agenzie. Abbiamo incontrato tanti professionisti incuriositi dalle novità che Israele ha sempre da offrire, ma questa volta abbiamo aggiunto un tocco di avventura in più per tutti, caratteristico dello stile di Go World grazie anche alla brochure Go4all dedicata ai viaggiatori diversamente abili che in Israele troveranno la destinazione perfetta per le proprie esigenze. Go Asia strizza l’occhio anche alle donne con il suo ‘Israele in Rosa’, dedicando un itinerario speciale alle viaggiatrici e alla figura femminile, così importante in Israele”.
“Durante i quatto incontri dedicati alla formazione (Bergamo, Verona, Bologna e Varese) abbiamo avuto il piacere di confrontarci, in maniera diretta, emozionale e passionale, con un centinaio di agenti – aggiunge Pietro de Arena, direttore marketing dell’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo – abbiamo riscontrato grande interesse e volontà di cooperazione, non soltanto da parte degli agenti che per la prima volta si avvicinavano alla nostra Terra, ma anche da coloro che già hanno visitato e proposto Israele, felici di aver approfondito la conoscenza di questa meravigliosa destinazione e desiderosi di tornare in agenzia per proporla ai propri clienti”.
“Go Asia punta decisamente su Israele – conferma Ludovico Scortichini, CEO di Go World – perché è una destinazione fantastica, visitabile e fruibile da tutti in qualsiasi periodo dell’anno, inoltre è facile da raggiungere e soprattutto molto sicura. Un punto a favore, a nostro avviso, è senza dubbio l’ottimo lavoro che svolge l’ufficio turistico con il quale collaboriamo sempre più e che ci fornisce costantemente spunti interessanti per far conoscere al meglio il Paese. Siamo convinti che Israele diverrà la metà del futuro nella zona mediterranea”.

News Correlate