mercoledì, 14 Aprile 2021

Censis: Italia prima come base e destinazione crociere

A Milano presentato il ‘IV rapporto sull’economia del mare’

Ha contribuito a creare il 2.6% del pil nazionale, producendo in un anno beni e servizi per oltre 39,5 miliardi di euro, e dà lavoro a circa 500mila persone con una crescita del 30% dell'occupazione dal 2004 al 2009. E' il ritratto dell'economia legata al mare, che "pur in un momento di crisi vede l'Italia fra i leader a livello europeo". A tracciarlo è il 'IV rapporto sull'economia del mare', presentato a Milano e realizzato dalla fondazione Censis che ha analizzato un settore che comprende trasporti marittimi e pesca, cantieristica navale, nautica da diporto e attività portuali.  
In base all'indagine, nel traffico passeggeri l'Italia è al primo posto come base e destinazione delle crociere, con 6,7 milioni di persone. E a giocare un ruolo di primo piano nella produzione del pil nazionale, secondo i dati relativi al 2009, è il comparto dei trasporti marittimi, con 103.3 miliardi di euro.  
"Il mondo marittimo è un driver di sviluppo per l'intera economia italiana – commenta Paolo d'Amico, presidente della Federazione del mare – e mostra una grande vitalità, tanto da essere cresciuto del 60% da quando sono state adottate le riforme che ne hanno rilanciato la competitività internazionale".  

News Correlate