domenica, 17 Gennaio 2021

Enav, Garbini tenta rilancio in un momento difficile

Il nuovo amministratore unico punta a ridurre i costi e ad aumentare produttività

Rilanciare l'Enav in un "momento difficile", sia per la crisi che colpisce il trasporto aereo, sia per l'immagine scalfita dalle inchieste giudiziarie. E' l'obiettivo che il nuovo amministratore unico dell'Enav, Massimo Garbini, delinea in un'intervista al Corriere della Sera.
"Il momento è difficile – sottolinea – noi ci reggiamo in parte con i contributi dello Stato, che in questo momento deve risparmiare. Dall'altra con gli introiti derivanti dai movimenti degli aerei, in fortissima contrazione. Rispetto a una previsione annuale di un aumento del 5%, a novembre siamo a un -7% rispetto all'anno precedente".
L'Enav dovrà ridurre i costi: "E' quanto ci ha chiesto la Commissione, -3% all'anno per i prossimi sei anni". Inoltre, prosegue Garbini, "dobbiamo stare attenti al costo del lavoro, pari al 3% nel 2010: nel prossimo rinnovo serve più produttività". Grazie ai contratti di programma 2006-2007 e 2007-2012, aggiunge, all'Enav arriveranno circa "460 milioni". Gli organici, afferma, non saranno rimpolpati se non per la "parte 'core': abbiamo sempre bisogno di 50 controllori all'anno".

 

News Correlate