domenica, 16 Maggio 2021

Dopo 60 anni Club Med dice addio a Caprera

Il Club Mediterannee lascia Caprera. Il colosso francese del turismo, dopo 60 anni, ha restituito alla Regione Sardegna le chiavi del famoso villaggio di Cala Garibaldi. Ma il Comune di La Maddalena non ci sta e il sindaco Angelo Comiti si è rivolto al presidente Ugo Cappellacci per fare chiarezza sulla vicenda.
”Dopo 60 anni di occupazione da parte di un colosso mondiale, come Club Med, non è possibile che la Regione cerchi di risolvere i problemi che lei stessa ha creato, facendo pagare il conto alla nostra comunità", afferma Comiti.
Il contratto, rinnovato nel 2004, prevedeva un pagamento di un canone annuale di 210.000 euro e l'impegno di effettuare una riqualificazione per trasformare il villaggio con i caratteristici tucul in una struttura a 5 stelle, degna della clientela Club Med.   
”Il progetto, presentato ai tempi della Giunta di Renato Soru, e poi riproposto, è rimasto chiuso negli uffici regionali – spiega il primo cittadino – Ora noi vorremo capire se le indiscrezioni di un eventuale accordo sono confermate, ricordando alla Regione che il Consiglio comunale, ad agosto, aveva approvato un ordine del giorno con il quale si chiedeva che la Regione cedesse all'ente locale i terreni demaniali al costo simbolico di un euro, così che possa essere l'amministrazione comunale a gestire direttamente il piano complessivo di sviluppo del territorio. Ma sia chiaro: se il Club Med abbandona l'isola – conclude Comiti – ci sono delle responsabilità politiche ben precise della Regione, per questo ribadiamo che noi non possiamo esser tenuti all'oscuro di quanto accade sul nostro territorio".
Secca la replica del govenratore Ugo cappellacci: "Le richieste di Club Mediterranee erano esagerate. E non credo che questo possa essere considerato indice di disinteresse degli investitori per la Sardegna, anzi abbiamo segnali che vanno in senso totalmente contrario. Abbiamo importanti soggetti che suggeriscono di investire in Sardegna. E con un investitore importante come il Qatar abbiamo stretto accordi per investimenti di pregio in Costa Smeralda pari ad un miliardo". Tornando alla vicenda Club Med, per Cappellacci "si tratta di un episodio messo in atto da un soggetto privato che ha tentato di sfruttare qualche vantaggio di cui godeva".

News Correlate