mercoledì, 28 Ottobre 2020

A Cagliari turisti a caccia di spettri in luoghi misteriosi

In Sardegna i turisti in vena di nuove esperienze, possono scegliere di partecipare ai ‘Cagliari Ghost Tour’, delle insolite visite guidate alla ricerca dei segreti e degli arcani del capoluogo dell’isola. Claudio Portas è una giovane guida turistica che, da circa un anno, ha scelto di dedicarsi a questa forma di turismo alternativo e ancora poco conosciuto. Seguendo il filo di storie e aneddoti, i visitatori si muovono così in una dimensione nuova, apprezzando le bellezze cittadine attraverso una chiave di lettura originale.

Ha spiegato Portas: “a noi tutti piace sognare e fantasticare, e attraverso i racconti e leggende si può imparare qualcosa anche della storia vera. I ‘ghost tour’ sono dei percorsi che portano alla scoperta delle vicende spettrali o misteriose della città. Ma il ‘ghost tour’ non vuole essere soltanto una sorta di caccia ai fantasmi. L’intento è quello di proporre percorsi turistici visti da un’ottica inedita, con argomenti, personaggi e curiosità forse poco o niente affrontate finora. Una delle storie che hanno destato maggiore curiosità – ha proseguito Portas – è quella che riguarda la cosiddetta processione dei morti. Si tratta di una tradizione che trova riscontro anche in altre regioni italiane. Nella zona di Viterbo, ad esempio, è nota come processione del Cataletto. La processione è una schiera di morti che vagano per il centro storico, in particolare a Villanova, per espiare le loro colpe, prima di poter trovare il riposo eterno. Gli anziani raccontavano che questa processione partiva dal convento di San Domenico e quando si sentivano le voci bisognava chiudersi in casa ed evitare qualsiasi contatto con quelle entità. C’era a rischio la vita o la pazzia per chi avesse avuto a che fare con questi spettri”.

News Correlate