lunedì, 25 Gennaio 2021

A Palermo in mostra 80 tesori nascosti del ‘900

Domani l’inaugurazione a palazzo Ajutamicristo. L’esposizione fino al 6 febbraio 2012

La Regione siciliana riunisce e mette in mostra i suoi tesori: nelle sale di palazzo Ajutamicristo a Palermo dal 6 dicembre al 6 febbraio 2012 saranno esposti ottanta tra dipinti e sculture acquisiti direttamente o conferiti dallo Stato. Alcune opere, che provengono da palazzo d'Orleans oppure dagli uffici di vari assessorati, vengono esposte per la prima volta. E sono pezzi pregiati di importanti artisti del ‘900 italiano: da Guttuso a Consagra, da Birolli a Martini, da Manzù a De Pisis, da Severini a Sironi.
"Per la prima volta – ha detto oggi l'assessore regionale dei Beni culturali e dell'Identita' siciliana, Sebastiano Missineo nel corso della presentazione alla stampa – sono riunite insieme le opere di arte moderna, di artisti siciliani o che in Sicilia hanno operato, raccolte nel tempo dalla Regione. Il nostro progetto e' di mettere a sistema e valorizzare tutto il patrimonio artistico siciliano, anche quello spesso "nascosto" nei magazzini dei nostri musei e nei vari palazzi dell'amministrazione. La nostra idea, e questa mostra rappresenta un primo importante passo, e' invece di offrire al pubblico proprio questi tesori dimenticati".
La mostra "Da Sciuti a Dorazio. La collezione d'arte moderna della Regione Siciliana", curata da Sergio Troise, è divisa in tre sezioni. La prima comprende opere degli anni Trenta e Quaranta, quando in occasione delle mostre sindacali fasciste vennero acquisiti numerosi lavori di artisti siciliani come Rizzo, Bevilacqua, Franchina legati al futurismo. La seconda sezione è dedicata alla mostra allestita nel 1942 al teatro Massimo con le opere dei maggiori artisti italiani del tempo: Carrà, De Chirico, Tosi, Casorati, Guttuso, Migneco. La terza documenta le opere acquisite dal dopoguerra a partire da quelle esposte nella "Manifestazione d'arte contemporanea" organizzata al Teatro Massimo dalla Federazione comunista di Palermo nel 1945 per iniziativa di Franco Grasso.
Organizzata dalla Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Palermo, diretta da Gaetano Gullo, la mostra verrà inaugurata domani, martedì 6 dicembre alle 16.30, alla presenza del presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo.

News Correlate