giovedì, 21 Gennaio 2021

Ricardo Miguel Hernández racconta Cuba con video e foto

Prosegue con un buon successo di visitatori la mostra “Cuba. Tatuare la storia” in corso negli spazi espositivi di ZAC Zisa Arti Contemporanee di Palermo. La rassegna, promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Palermo in coproduzione con il PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano è curata da Diego Sileo e Giacomo Zaza. Organizzata da ruber.contemporanea con il coordinamento progettuale di Antonio Leone e Giulia Ingarao, fino al 18 dicembre, adesso raddoppia la sede con un’esposizione a Palazzo Branciforte. 

Negli spazi espositivi della Cavallerizza, ci saranno infatti le opere di Ricardo Miguel Hernández che utilizza la fotografia e il video per indagare il contesto sociale nel quale vive, partendo dalla sua personale esperienza e cercando di raccontare ciò che è nascosto e sconosciuto. L’iniziativa è realizzata con il sostegno della Fondazione Sicilia e della Galleria Rossmut di Roma e la collaborazione di Civita Sicilia e Sicily Art & Culture. In mostra la serie fotografica Solo en el camino che affronta la stretta connessione esistente tra Cuba e la cultura statunitense. Tra le contraddizioni, vi sono le automobili nordamericane, che in qualche modo contribuiscono a creare l’immaginario di folklore e per certi versi stereotipato della Cuba contemporanea.

“Allontanandomi dalla riproduzione seriale dell’immagine dell’almendrón (nome con cui è conosciuto nella nostra isola questo tipo di auto) – ha spiegato Hernández – cerco di mostrare la loro bellezza attraverso frammenti e dettagli in grado di riflettere su un’epoca, un’estetica e una specifica geografia. Mi interessa dotare queste opere di una visualità relazionata al genere Road Movie. Le fotografie sono state scattate in diversi luoghi di Cuba, come prodotto di un viaggio intrapreso per il paese”. L’altra serie in mostra dal titolo Viviendo con el enemigo (Vivendo con il nemico), del 2006, documenta la massiccia disinfestazione svolta dal governo cubano contro le zanzare tropicali che provocano la febbre dengue.

News Correlate