lunedì, 1 Marzo 2021

Agrigento marcia per scalo, ora nulla osta da Stato

Sostegno al progetto anche da parte del ministro siciliano Alfano

Un successo la marcia a favore della realizzazione dell'aeroporto che si è svolta sabato mattina ad Agrigento, promossa dal presidente della Provincia Eugenio D'Orsi e a cui hanno aderito tutti i sindaci del circondario, sindacati, ordini professionali e la chiesa, con in testa l'arcivescovo Francesco Montenegro. Il lungo corteo ha attraversato tutto il viale della Vittoria per raggiungere il palazzo della Provincia. "Sono contento – ha detto D'Orsi – per la riuscita della manifestazione, ma al contempo mi sento molto responsabilizzato dalle giuste richieste degli agrigentini stanchi di telenovele e di promesse non mantenute. Vogliono e vogliamo fatti concreti. Da queste parte le ultime infrastrutture costruite per la provincia sono i templi e mi pare che ora abbiamo bisogno di ammodernarci". Un progetto di fattibilità per realizzare l'aeroporto a Piano Romano, a Licata, si trova da alcune settimane all'esame dell'Enac. A fianco della Provincia di Agrigento, anche la Regione con l'assessore regionale al Bilancio della Sicilia, Roberto Di Mauro: “il governo della Regione ha sempre lavorato con coerenza perché il progetto di un aeroporto in provincia di Agrigento diventasse realtà. Per questo, la giunta ha deciso di stanziare 30 milioni dei fondi Fas per lo scalo. Adesso, però, ci attendiamo che lo Stato dia al più presto il nulla osta per la realizzazione dell'aeroporto nel sito che è stato concordato con l'Enac”. Dal canto suo, il ministro della giustizia Angelino Alfano ha promesso il suo appoggio: "occorre che ad Agrigento nasca un aeroporto e mi batterò con tutte le mie forze per dare una mano di aiuto a questo sogno, perché se si divide la Sicilia in quattro quadranti, il polo di Agrigento è l'unico a non avere un'autostrada, un aeroporto e un grande porto commerciale. L'avvio della strada statale 140 è una grande risposta ma non è risolutiva".

News Correlate