domenica, 7 Marzo 2021

Catania si aggiudica i mondiali di scherma del 2011

Strano: una vittoria che dimostra che la Sicilia può ospitare grandi eventi

Catania si aggiudica i Mondiali di scherma del 2011. La città siciliana ha battuto con 65 voti contro 52 l’ultima concorrente rimasta, Budapest, dopo che era stata scartata la città cinese di Tanjin. La scelta di Catania è stata comunicata al congresso internazionale della Federazione mondiale della scherma che si è svolto a Palermo all’Hotel San Paolo Palace. “Felice ed orgoglioso” si è detto il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo “per un evento che dovrà interessare tutta l’Isola e non semplicemente la città etnea”. “Un’assegnazione – ha detto Lombardo – che conferma e corona il trend iniziato con la disputa dei mondiali juniores e cadetti ospitati ad Acireale, nel 2008, e che proseguirà con lo svolgimento dei campionati italiani di scherma, che si terranno in estate a Siracusa”. Lombardo ha aggiunto parole di elogio per i promotori della candidatura di Catania: “Va reso merito per l’impegno e la passione profusa a Nino Strano che ha ci ha creduto sin dal primo momento e, soprattutto, ai dirigenti sportivi della scherma siciliana”. Strano dal canto suo ha parlato di “una grande vittoria della Sicilia che va ascritta alla tenacia di un governo regionale che ha sempre creduto in questa scommessa, convinto dell’appeal del territorio e delle capacità dei siciliani, e ha voluto mettersi in gioco per metterle in luce. La Sicilia – ha concluso – oggi è nelle condizioni di poter ospitare i grandi eventi, non solo sportivi”. Secondo il sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli, “l’evento aiuterà la città anche sul piano dell’immagine”. “Insieme a quello sportivo – ha poi annunciato – metteremo in mostra anche il nostro patrimonio culturale: con la Regione e gli organizzatori puntiamo a utilizzare lo straordinario Teatro Greco, per ospitare alcune gare di scherma in uno scenario impareggiabile che di recente abbiamo restituito ai cittadini”.

News Correlate