mercoledì, 23 Giugno 2021

Lavori sui binari e i tempi dei treni da Catania diventano biblici

Dal 13 giugno al 31 luglio stop ai treni fra Catania e Siracusa per lavori di ammodernamento e velocizzazione della linea ferroviaria. Per collegare le due città Trenitalia attiverà un servizio di bus sostitutivi con fermate in tutte le stazioni, che impiegheranno 2 ore e 18 minuti per coprire appena 51 chilometri, rispetto ai 75 minuti abituali. Inoltre, sempre dalla stessa data verrà chiusa la Catania-Caltagirone fino al 31 luglio mentre la Catania-Palermo verra effettuata con bus sostitutivi sino alla stazione di Dittaino, con una percorrenza tra le due città da 3 ore e 35 a quasi 4 ore di cui un’ora e 10 minuti circa in bus sostitutivo al treno, fino all’11 settembre 2021. A sollevare il problema è Giosuè Malaponti, presidente del Comitato pendolari siciliani-Ciufer, in una lettera inviata all’assessorato regionale delle Infrastrutture e dei Trasporti. E Malaponti pone pure il problema dei costi per chi viaggerà in bus: 7,60 euro a fronte dei 4 euro di un pullman diretto di una qualsiasi azienda di trasporto sulla Catania-Siracusa. Che tra l’altro impiega quasi la metà del tempo di uno dei bus sostitutivi di Trenitalia. Ecco dunque la proposta del Comitato: diversificare quantitativamente e qualitativamente le corse dei bus sostitutiv». Ovvero un bus lungo la direttrice Catania-Priolo-Melilli-Siracusa e un altro tra Catania e Augusta, con fermate all’aeroporto Fontanarossa, Bicocca, Lentini e Augusta.

News Correlate