domenica, 18 Aprile 2021

Siracusa, Bianchi: ‘Sì alla ferrovia per Fontanarossa’

Il ministro a colloquio con il presidente della Provincia Bruno Marziano

Un piano infrastrutturale per Siracusa. Questo l’argomento al centro del colloquio tra il ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi, e il presidente della Provincia di Siracusa, Bruno Marziano. A cominciare dalla realizzazione di un collegamento ferroviario tra Siracusa e l’aeroporto di Catania. Per il ministro si tratta di un’idea nuova, sulla quale si può lavorare. “In tal modo – ha aggiunto il ministro – si sposerebbero due condizioni: far accedere facilmente il territorio siracusano a uno snodo fondamentale qual è Fontanarossa e contemporaneamente riportare la tratta ferroviaria dall’elenco dei rami secchi a florido germoglio”. A proposito del porto di Augusta, il ministro Bianchi ha confermato come sia “ben chiaro che Augusta è uno dei porti su cui bisogna ragionare, perché nella Sicilia orientale è sicuramente uno dei punti di riferimento essenziali per i traffici commerciali via mare”. Quindi attenzione puntata sul sistema autostradale, considerato che al momento Siracusa è interessata dalla costruzione di due assi: uno verso Catania in direzione nord, l’altro verso sud in direzione Gela. “Dobbiamo risolvere – ha sottolineato il ministro – il problema della revisione delle opere della cosiddetta legge-obiettivo, che prevedeva un elenco di opere per circa 170 miliardi ma, in realtà, la disponibilità finanziaria era di circa 50. Il ministro Di Pietro ha già presentato una sua proposta che adesso è al vaglio dei vari ministeri competenti dopo di che torneremo al Cipe per una delibera definitiva. Solo a quel punto potremo ragionare in che modo le opere inserite nella delibera potranno essere velocizzate, o completate. Se non è più un problema di finanziamento – ha concluso il ministro Bianchi – e dopo quella delibera non sarà più un problema di fondi, si tratterà di prendere i gestori e far sentire loro il fiato sul collo”.

News Correlate