sabato, 16 Gennaio 2021

Bilancio positivo per Save con ricavi per 144 mln in 9 mesi

Il consiglio di amministrazione di Save spa, che gestisce lo scalo “Marco Polo” di Venezia, ha approvato il resoconto intermedio sulla gestione al 30 settembre 2016. Tra i principali risultati del Gruppo il valore dei ricavi dei primi nove mesi dell’esercizio che si è attestato a 144,1 milioni, con un incremento del 15,1% rispetto al pari periodo dell’esercizio precedente. I fenomeni di maggiore rilievo, che hanno inciso sulla voce in esame, sono rappresentati dalla crescita dei ricavi aeronautici pari a circa 14,7 milioni di euro (+17,1%) per effetto dell’aumento delle tariffe concordate per lo scalo di Venezia e dell’incremento del traffico passeggeri a sistema pari a un +9,7%; dall’aumento dei ricavi non aeronautici pari a circa 2,6 milioni (+7,9%) grazie al buon andamento dei guadagni da parcheggio (+14,2%) e dei proventi commerciali (+6,4%).

La voce altri ricavi sale di 1,6 milioni di euro (+24,2%) beneficiando di maggior capitalizzazioni interne per 0,8 milioni un rimborso assicurativo per 0,2 milioni, maggiori riaddebiti costi ed altri ricavi diversi per complessivi 0,6 milioni.  Analizzando ora la voce con riferimento al solo terzo trimestre, i ricavi sono pari a circa 58,1 milioni, con un incremento di circa 7,1 milioni, pari ad un 13,9%, rispetto al terzo trimestre 2015. Il risultato operativo lordo (Ebitda) è pari a 69,1 milioni di euro in crescita del 22,2% rispetto ai 56,5 milioni dei primi nove mesi del 2015. Il periodo registra un aumento dei costi operativi pari a 6,3 milioni (+9,2%), determinato principalmente dall’aumento del costo del lavoro per 3,5 milioni di euro e della spesa per servizi per circa 2,1 milioni dovuta prevalentemente all’incremento di costi per manutenzioni, utenze, promotraffico e per pulizie ed asporto rifiuti.  L’Ebitda del solo terzo trimestre, registra una crescita significativa sul medesimo periodo 2015 (+20,9%) passando da un valore assoluto di circa 26,9 milioni di euro ai 32,5 milioni del trimestre 2016.

La posizione finanziaria netta di Gruppo è passata da una situazione debitoria, registrata al 31 dicembre 2015 pari a 189 milioni, ad una situazione, sempre debitoria al 30 settembre 2016, pari a 234,7 milioni di euro; al 30 settembre 2015 risultava pari 171,5 milioni di euro, per effetto principalmente degli investimenti realizzati nei nove mesi e pari a circa 66 milioni di euro.

News Correlate