EHMA scrive all’Europa per salvare il turismo

Ezio A. Indiani, presidente EHMA, si è appellato ai Governi ed alle Istituzioni Europee di fronte all’attuale crisi causata dalla pandemia COVID-19, che ha messo in ginocchio l’intero settore del turismo.

“Chiediamo aiuto finanziario e fiscale – – spiega Ezio A. Indiani – per proteggere l’occupazione in tutte le sue forme, compresi gli impieghi stagionali e quelli a tempo determinato, prevenendo danni irreparabili e dandoci la possibilità di riaprire gradualmente gli alberghi ad emergenza passata. La ripresa sarà lenta e l’industria dell’ospitalità necessita urgentemente di finanziamenti, indennizzi per la mancanza di profitti, cancellazione dei costi dei prestiti e della loro rinegoziazione, esenzione dei costi di affitto, sgravi fiscali e relativa dilazione dei pagamenti, fondi per il supporto psicologico e per la formazione dei dipendenti. Infine, servono finanziamenti per la promozione del turismo e dei trasporti per facilitare i viaggi internazionali. Ci sono state molte crisi in passato, ma nessuna così grave”.

News Correlate