domenica, 29 Novembre 2020

Tassa soggiorno, a Napoli si lavora su progetto più ampio

Per De Magistris serve carta servizi che dia benefici a Comune e operatori settore

“A Napoli non istituiremo una tassa di soggiorno, piuttosto lavoriamo su un progetto più ampio”. Ad affermarlo Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, rispondendo ai giornalisti circa le voci della possibile introduzione della tassa in città. “La tassa di soggiorno – ha spiegato – l'abbiamo esclusa a $ giugno e la escludiamo anche oggi. Stiamo lavorando su un progetto più ampio, che illustreremo nei prossimi giorni alla stampa. Si tratta di carte che saranno consegnate ai turisti e che daranno loro una serie di servizi nel momento in cui entrano nella città. Questo – ha proseguito – consentirà all'amministrazione di avere un introito e porterà benefici per gli operatori per i poli museali e culturali che stanno aderendo attraverso i protocolli. Tra qualche giorno, quando annunceremo il bilancio di previsione entro fine gennaio, anche questo provvedimento che non è una tassa di soggiorno lo illustreremo nei dettagli”.

News Correlate