domenica, 11 Aprile 2021

Aeroporto Bologna, nel 2020 ricavi a 67,5 mln e – 73% di passeggeri                            

Si è chiuso con ricavi 2020 consolidati a quota 67,5 milioni, in calo del 46,1% rispetto ai 125,1 milioni registrati nell’anno precedente, l’esercizio 2020 dell’Aeroporto ‘Marconi’ di Bologna. Il margine operativo lordo  – spiega una nota del gruppo – è risultato negativo per 3,9 milioni contro un margine positivo di 44,9 milioni del 2019 mentre il risultato netto ha registrato una perdita di 13,6 milioni contro un utile netto di 20,9 milioni archiviato nell’anno precedente    Guardando ai dati del traffico, l’aeroporto emiliano ha chiuso il 2020 con 2.506.258 passeggeri e un decremento pari al 73,4% rispetto al 2019 registrando così i medesimi livelli di traffico del 1997. I movimenti sono stati pari a 30.139, in riduzione del 60,9% rispetto al 2019, con un load factor medio in calo dall’81,5% del 2019 al 60,5% del 2020.   
Ryanair si conferma la prima compagnia sullo scalo con il 53,8% del traffico totale. Al secondo posto si conferma Wizz Air, con una quota che cresce dal 5,4% del 2019 al 6,2% del 2020, davanti ad Alitalia, Air France, British Airways, Klm e Lufthansa.   
“Il 2020 è stato un anno caratterizzato quasi nella sua interezza dagli effetti generati dalla pandemia globale legata alla diffusione del virus Sars-Covid-19, le cui conseguenze hanno impattato fortemente sui volumi di traffico dell’Aeroporto di Bologna e, conseguentemente, sui risultati economici e finanziari – commenta Nazareno Ventola, AD e DG o del ‘Marconi’ – nell’intento di arrivare ad un recupero sostanziale del traffico pre-Covid, stimato dagli esperti non prima del 2024-2025, la strategia di sostenibilità del gruppo sarà improntata a preservare gli asset aziendali, in particolare – conclude – attraverso il mantenimento dei livelli occupazionali e del cash flow, così garantendo le condizioni per la crescita nel medio periodo”. 

 

News Correlate