mercoledì, 8 aprile 2020

Il centro congressi Nuvola aprirà in concomitanza con l’Expo

“L’avveniristico centro congressi progettato da Massimiliano Fuksas è stato pensato per far compiere un salto di qualità al settore della congressistica romana. La nostra città non è ancora al pari di altre capitali europee. Sarebbe un errore sottovalutare le opportunità di crescita presenti nel mercato della convegnistica. Un maggior numero di eventi significa maggiori introiti e nuovi posti di lavoro non solo per le strutture deputate ai convegni, ma anche per tutto l’ indotto che ruota attorno ai poli congressuali, penso ad esempio ad albergatori e ristoratori”. È quanto ha affermato Ignazio Marino, sindaco di Roma, al cantiere del nuovo Centro Congressi della Capitale, la Nuvola, pensata e realizzata dall’architetto Massimiliano Fuksas. Durante la visita è stato annunciato che la Nuvola aprirà nel I semestre del 2015, in concomitanza con l’Expo di Milano, se i finanziamenti promessi dal governo arriveranno entro Natale. I lavori sono completati al 76%, ma per finire l’ opera mancano 170 milioni. Il nuovo centro congressi alla fine avrà un costo di 415 milioni rispetto ai 272 milioni previsti dalla gara d’ appalto.
Marino, dopo aver analizzato i dati del turismo congressuale, ha spiegato che  a Roma nel 2011 c’è stata una crescita del 42% dei congressi rispetto al 2009.
“Abbiamo voluto fare il punto su quanto è stato fatto e quanto si potrà fare per lo sviluppo della direttrice che va dal Parco archeologico dei Fori fino all’aeroporto di Fiumicino. Stiamo parlando di un asse direzionale produttivo-commerciale sul quale insistono investimenti per oltre 1 miliardo di euro e che, già nelle linee programmatiche di questa amministrazione, era considerato molto importante per lo sviluppo della città”, ha detto Giovanni Caudo, assessore alla Trasformazione Urbana.  Per l’assessore, la Nuvola funzionerà se attorno ad essa “si svilupperà un vero sistema urbano che sostenga la scelta del turismo congressuale. Così si potranno recuperare situazioni come piazza dei Navigatori o la ex Fiera di Roma, avviare il Campidoglio 2 e rilanciare la Nuova Fiera di Roma. Per questo attorno a questo cantiere pensiamo di costruire l’Eur di domani, il cuore internazionale, innovativo di questa città”.

News Correlate