La Liguria accoglie tutti, spiagge organizzate tra app e prenotazioni

La Liguria si prepara ad accogliere tutti i turisti sulle spiagge, anche i lombardi e i piemontesi. “Sono i benvenuti e sostituiranno gli stranieri “, ha detto il governatore Giovanni Toti.
Ormai tutto è pronta per il via della stagione estiva con gli stabilimenti balneari già riaperti e le regole fissate per la gestione delle spiagge libere e delle scogliere dove, nonostante le linee guida diffuse da Anci, ogni Comune però adotta la sua ricetta.
Con l’App ‘SpiaggiaTi’ sarà possibile capire se ci sono stalli disponibili. Ma non servirà per prenotarsi. Nessuna limitazione e controllo di accesso sugli arenili a Bordighera, dove l’unica indicazione sarà quella del distanziamento che verrà controllato occasionalmente dalla polizia locale. A Sestri Levante gli arenili liberi saranno sorvegliati e gestiti dai gestori privati, che in cambio di monitorare gli accessi per evitare assembramenti e sanificare, hanno ottenuto la possibilità di noleggiare ombrelloni lettini e sdraio. Ma occorre prenotarsi su www.sestrispiagge.it. A Lerici ci saranno spazi per residenti, per proprietari di seconde case e per villeggianti, tutti contingentati, e la App, ‘Entro facile’ permetterà di prenotarsi .
In condizioni normali le spiagge lericine vengono frequentate ogni giorno da circa 20 mila persone. Quest’anno saranno molte meno: la spiaggia libera di San Terenzo, normalmente ospita 1500 bagnanti al giorno, ora ne accoglierà 1200 distribuiti su 2 turni da 5 ore.
Intanto arriva ai balneari un appello di Cna: “Non aumentate i prezzi dei servizi in spiaggia e l’invito a prenotarsi anche perché in caso di contagio è più facile individuare a chi siamo stati vicini”.

News Correlate