martedì, 16 Aprile 2024

I 100 anni del Logan Airport a Boston celebrati con una mostra

Nel Terminal E, recentemente modernizzato, c’è una mostra fotografica retrospettiva che riassume i 100 anni dell’Aeroporto Internazionale di Boston: dalle umili origini alla trasformazione nel corso del secolo scorso per diventare motore economico per la regione del New England.

Nel corso del 20° secolo, la crescita dei viaggi internazionali ha elevato il ruolo del Logan International Airport come luogo di speranza e di nuovi inizi, accogliendo migliaia di immigrati, rifugiati, studenti internazionali e visitatori della regione.

La storia dell’aeroporto Logan (BOS) iniziò poco più di 100 anni fa, quando la struttura aprì l’8 settembre 1923. Da allora, l’aeroporto è cresciuto ed è stato ampliato, diventando il più grande aeroporto del New England e uno dei trafficati negli Stati Uniti oggi.

Nel corso dei decenni, il Logan ha visto l’espansione del servizio transatlantico, l’alba dell’era dei jet, il volo supersonico e molte altre pietre miliari dell’aviazione. Oggi, le compagnie aeree di tutto il mondo servono Boston, mentre JetBlue, Delta Air Lines e Cape Air hanno stabilito il proprio hub nell’aeroporto.

Secondo Massport (Massachusetts Port Authority), che è responsabile delle operazioni al Logan, il numero record di passeggeri fu nel 2019, quando quasi 42 milioni di persone transitarono attraverso l’aeroporto.
Quando il Logan aprì originariamente si chiamava Boston Air Port ed era utilizzato principalmente dalla Massachusetts Air National Guard e dallo United States Army Air Corps. I primi servizi commerciali all’aeroporto non iniziarono che nel 1927, quando la Colonial Air Transport iniziò a volare direttamente a New York. L’aeroporto subì un rapido sviluppo ed espansione nei primi due decenni dopo la conclusione della Seconda Guerra Mondiale e fu durante questo periodo che la struttura fu rinominata in onore dell’eroe della guerra ispano-americana Edward Lawrence Logan.

Nel 1952, la Massachusetts Bay Transportation Authority (MBTA) aprì una stazione sulla sua Blue Line all’aeroporto, rendendo la struttura la prima negli Stati Uniti ad essere collegata dal trasporto pubblico della metropolitana, un collegamento vitale che esiste ancora oggi.

Nel 1959 la Pan American Airways inaugurò i primi collegamenti intercontinentali verso l’Europa. Tra il 1973 e il 1976 furono aperti due nuovi terminal, con un costo di 105 milioni di dollari per i contribuenti, oggi equivalenti a $ 566,61 milioni. Il Concorde arrivò nel giugno 1974. Nel 1980, il numero di passeggeri era salito a 15,1 milioni, rendendo Logan il decimo aeroporto più trafficato della nazione, secondo i dati del MIT.

Negli anni ’90, il numero totale di persone che passavano attraverso le porte della struttura è cresciuto costantemente fino a raggiungere i 25 milioni. Il primo ammodernamento dell’aeroporto è avvenuto nel 1996 e includeva una torre di controllo di 22 piani, che all’epoca era la più grande del mondo. Oggi, oltre 50 compagnie aeree volano da Boston Logan e servono oltre 100 destinazioni sia negli Stati Uniti che in tutto il mondo. Con una connettività così impressionante, molti potrebbero chiedersi esattamente dove c’è ancora spazio per l’espansione, ma molte destinazioni internazionali in Sud America, Africa e Asia rimangono ancora “scoperte”.

Nel 2023 Boston ha raggiunto 41 milioni di passeggeri, dei quali circa 8,4 milioni sono stati viaggiatori internazionali, un incremento del 33% sull’anno precedente. Attualmente Boston sostiene collegamenti non-stop per 60 destinazioni in oltre 30 paesi in quattro continenti.

Per rendere il viaggio ancor più gradevole e facile, Massport ha ridisegnato il sito web offrendo un menù facile ed utile ad ogni viaggiatore che può così trovare i diversi servizi disponibili al Logan Airport di Boston.

News Correlate