martedì, 1 Dicembre 2020

Hotel al tempo del coronavirus: Federalberghi, Aica e Assohotel inviano protocollo al governo 

Federalberghi, Confindustria Alberghi e Assohotel hanno inviato al governo e alle Regioni il protocollo nazionale congiunto in tema di prevenzione contro la diffusione del Covid-19 nelle strutture ricettive. Le tre organizzazioni nazionali maggiormente rappresentative del comparto dell’ospitalità hanno elaborato il documento grazie a una intensa e costante collaborazione, individuando i passaggi essenziali per garantire misure efficaci di prevenzione della diffusione del virus sempre allo scopo di tutelare la salute degli ospiti e dei collaboratori e di realizzare l’equilibrio necessario per garantire l’erogazione del servizio in condizioni di sicurezza e sostenibilità, evitando tuttavia di snaturarne le caratteristiche.

“Abbiamo bisogno di garantire ed essere garantiti – ha specificato il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca – per poter riaprire le nostre strutture e far sentire i nostri ospiti protetti come a casa propria. Proprio per questo motivo, nella delicata stesura del protocollo nazionale, ci siamo affidati a figure terze, ovvero professionisti italiani e stranieri che, con le loro rispettive competenze, potessero individuare la strada più sicura per consentire alle attività del sistema ricettivo di riaprire con i giusti presupposti. La nostra speranza, per i nostri collaboratori e per gli italiani stessi, è che il frutto dello sforzo congiunto degli operatori del settore sia funzionale alla volontà ed all’urgenza di ripartire il prima possibile”.

“Il mondo del turismo non si rassegna all’immobilismo – ha aggiunto il presidente di Assohotel Claudio Albonetti – nonostante le difficoltà, le imprese del ricettivo si organizzano per fornire il proprio servizio nella sicurezza di tutti. Speriamo che alla fiducia degli operatori corrisponda una ripresa dei flussi turistici. Nella speranza che la stagione, sebbene sottotono, possa comunque rappresentare un punto di ripartenza per turisti e imprese”.

“Uno strumento a disposizione degli operatori per supportare la gestione in fase di ripartenza, fornendo indicazioni e spunti a chi vuole fare meglio o di più per la propria offerta. L’auspicio è che il documento possa essere un utile spunto anche per tutte le Regione affinché sia possibile adottare principi unici, lineari ed omogenei su tutto il territorio nazionale”, ha spiegato Maria Carmela Colaiacovo, vicepresidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi.

Il protocollo è stato redatto da una task force costituita ad iniziativa di Federalberghi composta da imprenditori e dirigenti, italiani e stranieri, espressione delle diverse categorie e tipologie di strutture turistico ricettive che – con l’ausilio di consulenti in materia di igiene e sicurezza e sotto la supervisione del professor Pierluigi Viale dell’Università di Bologna, direttore dell’Unità Operative Malattie Infettive del Policlinico di S. Orsola – hanno analizzato le diverse fasi dei processi di produzione ed erogazione del servizio, individuando gli eventuali punti critici e suggerendo le conseguenti misure da adottare, prospettando quando possibile la disponibilità di soluzioni alternative, ispirate al principio della sicurezza equivalente. Hanno collaborato alla redazione del protocollo la Croce Rossa Italiana e rappresentanti di imprese alberghiere ed associazioni territoriali degli albergatori che stanno curando, al fianco della Protezione Civile e del Sistema Sanitario Nazionale, le soluzioni ricettive destinate ad accogliere gli operatori sanitari e i volontari impegnati nella gestione dell’emergenza nonché le persone in quarantena.

Il documento è stato elaborato sulla base delle informazioni disponibili e delle disposizioni ad oggi vigenti. Esso sarà quindi soggetto a revisione in caso di aggiornamento delle suddette fonti, di evoluzione della situazione epidemiologica e sulla base delle esperienze che saranno maturate in fase di applicazione in condizioni di “normalità”, che si auspica possa avvenire in tempi brevi, non appena sarà nuovamente consentito alle persone di spostarsi all’interno del territorio nazionale e, conseguentemente, si riattiverà la domanda di servizi turistico ricettivi, che al momento è sostanzialmente azzerata.

News Correlate