venerdì, 14 Maggio 2021

Ita, decollo 1 luglio e non sarà mini company: servono alleanze

Ita non sarà una mini compagnia, il piano della newco non cambierà, ossia comprenderà la parte aviation, handling e manutenzione, e l’obiettivo è farla decollare il primo luglio. In audizione alla Camera l’amministratore delegato di Ita, Fabio Lazzerini, insieme al presidente, Francesco Caio, ha fatto il punto sul piano della newco, sulle prospettive in ottica pandemia, sulla futura partnership e anche sulla trattativa con la Commissione europea.

“Non stiamo organizzando un’azienda mini”, esordisce Caio davanti alle Commissioni riunite Trasporti e Attività Produttive ma “stiamo organizzando un’azienda che parte necessariamente allineata con la capacità che ha il mercato di assorbire la domanda e dall’altra con una prospettiva di competitività e di crescita”. E nel piano della newco “continua ad esserci la parte aviation, handling e manutenzione”, afferma l’ad Lazzerini, sottolineando che “l’azienda deve mantenere intatto il perimetro delle competenze” perché “per noi è fondamentale che le tre aeree rimangano sotto l’egida di Ita, è un modo di rendere efficiente ed efficace il nostro piano industriale”.

Secondo Lazzerini “c’è ancora tempo per intercettare la ripresa estiva” perché “le persone aspettano ancora di prenotare, il mercato è ancora molto volatile ma bisogna partire” con Ita e l’obiettivo è “il 1 luglio”. Per questo motivo sono state “elaborate” delle “proposte” per avere “il business dell’aviation” da Alitalia “il prima possibile”, spiega l’ad, avvertendo che le compagnie low cost si stanno muovendo rapidamente sul mercato italiano. Per crescere, però, Ita deve essere “accompagnata da un insieme di alleanze” e Lazzerini spiega che ci sono stati già “sette incontri con Lufhansa da una parte e il gruppo Delta e Air France-Klm dall’altra” e le “interlocuzioni stanno andando avanti”.

Ma affinché Ita possa decollare, deve essere prima chiusa la trattativa in corso tra il Governo e l’Ue. “Abbiamo avuto una interazione abbastanza intensa con la Commissione Ue, abbiamo mandato 236 risposte ad altrettante domande, e mandato 40 documenti e tra questi anche quello sulle rotte per i prossimi cinque anni, abbiamo sviluppato 14 scenari diversi e fatto 12 meeting con le varie direzioni”, spiega Lazzerini alle Commissioni. E sull’altro tema caldo, cioè il numero di slot di Linate, che la Ue vorrebbe ridurre per la newco, Lazzerini sottolinea che la Commissione non tiene conto del fatto che a causa della pandemia gli slot delle compagnie sono congelati.

News Correlate