sabato, 25 Giugno 2022

Volotea presenta le 4 sezioni del suo programma per la sostenibilità

Volotea ha annunciato che collaborerà con Bureau Veritas per l’auditing completo delle quattro sezioni del suo programma di sostenibilità ‘Voloterra’: modello di business, riduzione delle emissioni, transizione green e obiettivi di compensazione. L’azienda condividerà il suo piano ambientale con Bureau Veritas, diventando così la prima compagnia aerea a sottoporre i propri obiettivi di sostenibilità a quest’azienda internazionale.
Voloterra, il programma di sviluppo sostenibile di Volotea, si divide in quattro aree di azione:

  • Modello di business: sin dall’inizio, Volotea ha operato solo su tratte dirette, evitando scali e connessioni, consentendo di risparmiare carburante e ridurre le tempistiche di volo. La compagnia non opera voli che possono essere coperti in treno in meno di 4 ore e, allo stesso modo, oltre il 90% delle sue rotte riguarda itinerari che non possono essere coperti in treno o in auto in meno di 6 ore. Volotea svolge anche un ruolo fondamentale nel collegare le isole europee, dato che il 65% delle sue tratte decolla o atterra su un’isola. Inoltre, la compagnia non opera voli con pochi passeggeri, e in media i suoi voli hanno un tasso di occupazione dei posti del 90-95%.
  • Riduzione delle emissioni: nel 2020, Volotea ha sostituito tutti i Boeing B717 della sua flotta con il modello Airbus 319-320, più efficiente ed ecologico. Dall’inizio delle sue operazioni nel 2012, Volotea ha lanciato 50 iniziative per diminuire il consumo di carburante dei suoi aerei, ottenendo una riduzione di oltre il 41% delle emissioni per passeggero e chilometro. Entro il 2030, l’azienda prevede di ridurre del 50% le emissioni per passeggero-chilometro (rispetto al 2012).
  • Transizione green: dal 2022, Volotea ha iniziato a rifornire i propri velivoli con carburanti sostenibili per l’aviazione (Sustainable Aviation Fuels – SAF). La compagnia aerea sta lavorando con produttori e industria per assicurare che questi carburanti possano essere sviluppati e introdotti il prima possibile. Infine, Volotea sta partecipando allo sviluppo a lungo termine del primo aereo commerciale elettrico.
  • Compensazione: Volotea si impegna a compensare il 25% delle sue emissioni totali di CO₂ entro il 2025. L’azienda supporta una serie di progetti certificati dal CDM (United Nations Clean Developement Mechanism). Offre anche ai clienti l’opportunità di supportare l’impegno di compensazione delle emissioni tramite un contributo volontario di 2 € per volo. La cifra raccolta dalle donazioni sarà investita in progetti di compensazione verificati e certificati, conformi ai più rigidi standard internazionali.

“Siamo lieti di lavorare con Bureau Veritas alla validazione del nostro programma Voloterra. L’impegno nei confronti di un’aviazione più sostenibile è nel nostro DNA sin dagli inizi e si sta rafforzando giorno dopo giorno. La verifica e convalida del nostro programma è un passo importante per noi, perché rafforza anche la nostra trasparenza nei confronti di clienti e partner”, afferma Gloria Carreras, Direttrice di ESG in Volotea.

“Siamo lieti di essere uno dei partner di Volotea. Crediamo che la fiducia dipenda da prove tangibili di un progresso responsabile. L’auditing del programma Voloterra contribuirà ad accrescere ulteriormente la fiducia nei confronti di Volotea, trasformando in realtà i suoi obiettivi di sostenibilità”, ha aggiunto Mickael Clermont, direttore della divisione aerospaziale di Bureau Veritas.

News Correlate