mercoledì, 28 Ottobre 2020

Enav chiude il 2019 con un aumento del 6,5% del traffico di rotta 

Il cda di Enav riunitosi sotto la presidenza di Nicola Maione ha approvato il progetto di Bilancio 2019 e il Bilancio consolidato di Gruppo 2019. In particolare, rende noto Enav, il 2019  è stato caratterizzato da un deciso aumento delle unità di servizio sia per il traffico di rotta che, espresso in unità di servizio, ha registrato un aumento del 6,5% rispetto al 2018, confermando così  anche per il 2019  il tasso di crescita più alto tra i principali paesi europei (Francia +1,5%, Germania +1,3%, Gran Bretagna +3,3%, Spagna +3,9%), sia in termini di unità di servizio aumentato del 3,5%.

La crescita – spiega l’Ente – è stata trainata dal buon andamento del traffico aereo su tutti gli scali nazionali e soprattutto dalla componente di traffico internazionale che ha mostrato un aumento del 4,8%. I principali scali italiani hanno mostrato tutti un aumento, sempre in termini di unità di servizio: Fiumicino +1,6%, Malpensa +16,3% riconducibile in gran parte alla chiusura di Linate per alcuni mesi, Venezia +1,4%, Bergamo +6,6%, Bologna +8,5%. In crescita anche gli aeroporti del sud: Napoli +7,9%, Catania +2%, Palermo +5,9%, Bari +9,2%.

“Il 2019 – sottolinea l’ad Enav, Roberta Neri – ha confermato il trend di forte crescita di traffico già registrato nel 2018. Grazie alla pianificazione e realizzazione degli investimenti in tecnologie e formazione e grazie alle nostre persone, abbiamo gestito elevati flussi di traffico garantendo, ancora una volta, un eccellente servizio per sicurezza e puntualità. L’acquisizione a luglio di IDS AirNav ha rappresentato un investimento chiave nel potenziamento delle soluzioni tecnologiche, aprendo inoltre il mercato in paesi come l’Australia, l’Argentina e il Brasile e altri in cui non eravamo presenti”.

News Correlate