sabato, 25 Settembre 2021

I russi vogliono wi-fi, ristorante e spa dentro l’albergo

Il wi-fi, il ristorante interno e i percorsi Spa. Sono questi i plus che deve avere un albergo secondo le richieste dei turisti russi. La ricerca è stata effettuata dall'Associazione Italiana Confindustria Alberghi sulle sue strutture associate visto il recente boom di prenotazioni alberghiere da questo target di mercato.
"I principali interessi di questa tipologia di turisti – osserva Giorgio Palmucci, presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi – sembrano essere rappresentati dallo shopping, le visite guidate seguite, ad una certa distanza, dai musei e dalle degustazioni".
L'interesse per il Bel Paese, l'arte, la storia e il buon cibo garantiscono una permanenza media di ben 4 giorni in ciascuna struttura e l'attenzione verso il cliente è una prerogativa irrinunciabile per consentire incrementi futuri. Le strutture, attente al fenomeno del turismo russo, offrono canali televisivi in lingua, brochure e materiale tradotto, personale che parla russo e siti web fruibili anche in cirillico.
"Il nostro settore già pone tanta attenzione nei confronti dell'incoming russo- conclude Palmucci – ma ci aspettiamo una maggiore sinergia con enti ed istituzioni per diffondere, anche  attraverso i servizi più evoluti di comunicazione, una promozione ‘globale' che possa parlare anche in russo".

 

News Correlate